cerca

A Bruxelles il cristianesimo scende e l’islam sale

"L'iris e la mezzaluna" è il titolo che Felice Dassetto, sociologo dell’Università cattolica di Lovanio, scelse per raccontare quanto accade in Belgio. Il riferimento è al giaggiolo, il simbolo della regione di Bruxelles, mentre la mezzaluna ovviamente allude all’islam.

3 Marzo 2016 alle 06:18

A Bruxelles il cristianesimo scende e l’islam sale

"L'iris e la mezzaluna" è il titolo che Felice Dassetto, sociologo dell’Università cattolica di Lovanio, scelse per raccontare quanto accade in Belgio. Il riferimento è al giaggiolo, il simbolo della regione di Bruxelles, mentre la mezzaluna ovviamente allude all’islam. Adesso anche l’Economist si occupa di quel trend affascinante e drammatico. “Le antiche città del Belgio sono culle dell’arte e della cultura cristiana, e il cattolicesimo è per molti versi la ragion d’essere del paese. Ma così come il ruolo del cristianesimo è scemato, un nuovo credo, l’islam, sta guadagnando importanza”. A Bruxelles, circa la metà dei bambini nelle scuole statali è islamico. Nella capitale dell’Unione Europea, i cattolici praticanti sono pari al 12 per cento, mentre il 19 per cento sono musulmani praticanti. Tra gli intervistati, i livelli di aderenza al cattolicesimo diminuisce drasticamente con l’età, mentre l’islam aumenta corrispondentemente. “Se questa tendenza continua, i fedeli dell’islam potrebbero presto superare comodamente i cattolici devoti non solo nella cosmopolita di Bruxelles, come è già, ma su tutto il territorio meridionale del Belgio”. E’ la triste evoluzione di un paese ricco, annoiato e scettico, che non è mai riuscito a sostituire altri ideali a quelli tramontati dell’impero. Dimenticatevi la Madonna di Bruges di Michelangelo. Adesso il Belgio fa parlare di sé per Mollenbeek. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi