Una patatina al Superbowl e i pro choice che impazziscono

La pubblicità è esilarante. Si vede una mamma allo stadio avanzato di gravidanza sul lettino della ginecologa per una visita di controllo. Mentre l’esame agli ultrasuoni mostra il bambino, il padre assente sgranocchia un pacchetto di Doritos.

9 Febbraio 2016 alle 06:18

Una patatina al Superbowl e i pro choice che impazziscono

La pubblicità è esilarante. Si vede una mamma allo stadio avanzato di gravidanza sul lettino della ginecologa per una visita di controllo. Mentre l’esame agli ultrasuoni mostra il bambino, il padre assente sgranocchia un pacchetto di Doritos. Il feto segue i gesti del padre con le patatine in mano, fino a dare una testata nell’utero. I pro choice non l’hanno presa bene questa pubblicità trasmessa al Superbowl perché dicono che “umanizza” il feto, e per una certa cultura liberal il feto deve essere invisibile fino al momento del parto.

 

 

Dicono che ci penseranno due volte prima di mangiare ancora quelle patatine bigotte, che le trovano “chilling”, che dà i brividi. Gli stessi liberal avevano esultato quando la Doritos aveva prodotto delle patatine Lgbt. I pro choice, oltre ad avere una surreale concezione della vita umana, hanno anche davvero poco senso dell’umorismo.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi