cerca

NON CI RESTA CHE VINCERE

La recensione del film di Javier Fesser, con Javier Gutiérrez, Juan Margallo, Sergio Olmo

7 Dicembre 2018 alle 16:30

Tre milioni di spettatori in Spagna (come i francesi, contano i biglietti venduti e non gli incassi). Vediamo quanto incassa in Italia, terra di poeti, santi, navigatori e sindaci di Matera, prossima capitale europea della cultura che si augura “di non finire come Venezia”, vietato il turismo mordi e fuggi. Terra che rimpiange le sale buie – vuoi mettere con Netflix che ti arriva in casa e se un film non ti piace puoi passare ad altro? – ma poi al cinema va pochissimo. Figuriamoci se accorre per un film con un allenatore di basket irascibile, beccato a guidare ubriaco, condannato ad allenare per 90 giorni una squadra di disabili – uno non sa allacciarsi le scarpe, un altro si blocca a metà, frase o azione che sia. Siccome sono spagnoli, quindi i film li scrivono prima di produrli e mandarli in sala, “Non ci resta che vincere” ha la sua parte di “feel good movie” (il film che all’uscita mettono di buon umore) e la sua parte di comicità vera, quindi per nulla corretta. Gli attori sono disabili veri, assortiti come neppure il miglior direttore di casting saprebbe fare. La mamma dell’allenatore gli annusa l’alito di notte, “voglio essere sicura che non bevi”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi