cerca

SENZA LASCIARE TRACCIA

Recensione del film di Debra Granik, con Ben Foster, Thomasin McKenzie, Isaiah Stone, Diana Millican

9 Novembre 2018 alle 16:44

Bellissimo film, il primo da vedere questa settimana (facciamo finta che qualcuno ancora vada al cinema più di una volta al mese, e che un film come questo regga in sala più di sette giorni). Trama ben costruita, originale, senza grasso superfluo. Recitata da due attori meravigliosi e pressoché sconosciuti. Vedere i soliti noti che si trasformano fa godere, ma ogni tanto resta il bisogno di facce mai viste prima, come la giovane neozelandese Thomasin McKenzie. Più esperto l’americano Ben Foster, nella categoria degli attori che non riconosciamo da un ruolo all’altro. “Senza lasciare traccia” racconta una tredicenne che vive in un parco attorno a Portland con il padre, reduce dal Vietnam. Dormono in tenda, cucinano sul fornelletto quel che trovano o cacciano, risparmiano i fiammiferi, stanno attenti a non rivelare la loro esistenza. Senza proclami ecologici, né menate sulla decrescita felice: papà è piuttosto orso, la figlia accetta la situazione. Anche lei si destreggia con le tecniche di sopravvivenza, e al resto dell’educazione – scacchi compresi – provvede il genitore (niente ragazzi selvaggi da queste parti, è un “Captain Fantastic” senza Noam Chomsky da festeggiare al posto del Natale). Succede un incidente, dalle conseguenze gravi (c’entrano i forestali e poi gli assistenti sociali, la ragazza dovrebbe frequentare una scuola, il padre dovrebbe avere un lavoro). Anche esilaranti. Per esempio, il questionario sottoposto al padre e alla figlia, onde calcolare quanto sono asociali (nessuno di noi ne uscirebbe vivo, come dal questionario atto a svelare chi sta antipatico a Michela Murgia). La ragazza non soffre quanto il padre, potrebbe anche restare e stringere amicizia con qualche altro spostato (che vi sembra di un coniglio chiamato “tronçonneuse”, la motosega di “Non aprite quella porta”?). Lui trova un lavoro nella foresta (piccola lezione sul ritocco degli abeti natalizi). Debra Granik è la regista di “Un gelido inverno”, il film che lanciò Jennifer Lawrence. Catturava e scuoiava uno scoiattolo per la cena dei fratellini affamati, serve molta bravura per raccontare il white trash senza pietismi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi