cerca

Al cinema c'è Tonya. Ecco perché andarlo a vedere

Di Craig Gillespie, con Margot Robbie, Allison Janney, Caitlin Carver, Sebastian Stan, Julianne Nicholson

30 Marzo 2018 alle 18:15

Non è il solito film sul campione sportivo. E’ molto meglio. Più avvincente del “Borg McEnroe”: Björn Borg usciva senza i soldi per il caffè a Montecarlo e il barista non lo riconosceva. Più spassoso di “La guerra dei sessi” di Jonathan Dayton e Valerie Faris, già registi di “Little Miss Sunshine”: la battaglia di Billie Jean King per essere pagata come i tennisti maschi, contro il maturo Bobby Riggs che mandava in campo un maialino per screditarla. Non è tennis, per cominciare. Ma il meno nobile – vorranno scusarci i fanatici – pattinaggio artistico. Per mettere subito le carte in tavola, Graig Gillespie dice che il film si basa su interviste “totalmente vere, totalmente contraddittorie, prive di ironia”. Intende, prive di “autoironia”: ognuno si prende terribilmente sul serio – non solo lo sciocco che ha detto a tutti di lavorare per l’Fbi, e forse lui fermamente ci crede – e intanto le spara grossissime. L’ironia – venata di nero e di grottesco – viene dalla messa in scena: sguardi e discorsi in macchina, come un un finto documentario, alternate a scene realisticamente ricostruite.

 

Tonya è Tonya Harding, figlia dei bianchi poveri e buzzurri d’America, avviata al pattinaggio dalla ferocissima madre quando aveva quattro anni. Fu la prima a esibirsi in un triplo axel, la prima a insultare i giurati che non riconoscevano la sua bravura – le rivali erano pettinate e vestite come ballerinette, lei gareggiava spettinata e con i vestiti infiocchettati in casa. “Non esiste la verità, ognuno ha la sua e la vita va avanti lo stesso” è il suo motto. Utile quando l’accuseranno di aver azzoppato – o di aver tramato per far azzoppare – la rivale perfetta Nancy Kerrigan, alla vigilia dei Giochi olimpici di Lillehammer, 1994. I tripli axel sono ricostruiti al computer, la figura riesce a poche fuoriclasse. Al resto pensa la bravissima - e quasi irriconoscibile, se ricordiamo la sua eleganza in “The Wolf of Wall Street” – Margot Robbie. La mamma allenatrice è Allison Janney, premiata con l’Oscar come non protagonista. Il “cretino specializzato” (copyright Ennio Flaiano) che snocciola minacce “anonime” dal telefono di casa si chiama Paul Walter Hauser.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi