L'altra Turandot

Una donna impossibile. Sadismo sentimentale e insieme commedia dell’arte nell’opera di Busoni. All’ombra di Alma e Gustav Mahler

6 Marzo 2018 alle 14:52

L'altra Turandot

Nato a Empoli nel 1866, Ferruccio Busoni, compositore e leggendario pianista, è morto a Berlino nel 1924. Nella capitale tedesca si era già stabilito prima della Grande guerra

In tempi di #MeToo, di donne che denunciano gli uomini che le seducono e le molestano, non è male tornare all’epoca del sadismo femminile, quando le signore potevano scegliere di decapitare i loro pretendenti, reputandoli inadatti al ruolo, qualora fossero risultati incapaci di risolvere tre indovinelli. L’occasione è a portata di mano. Stiamo parlando di Turandot, una grande nevrotica che ha deciso di non concedersi ad alcuno e risponde all’amore con la condanna a morte, salvo ravvedersi e rischiare in...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi