cerca

La lezione dell'Iran alla calciatrice senza velo

Nessun hastag di solidarietà per Shiva Amini, la campionessa iraniana bandita da tutti i campi del paese per aver giocato a Zurigo senza velo con dei maschi 

18 Dicembre 2017 alle 20:55

La lezione dell'Iran alla calciatrice senza velo

Shiva Amini ha ventotto anni: gli ultimi tredici li ha passati a giocare nella nazionale di calcio a cinque. Se vorrà continuare (ma chi glielo fa fare?), però, sarà bene che se ne stia lontana da casa sua, in Iran, dove non potrà più né giocare né allenare. Perché è un’eretica impura profanatrice: ha osato palleggiare, senza velo, con i pantaloncini corti, con dei maschi, in un campetto di Zurigo, in vacanza, e, non avendone abbastanza, si è anche fatta fotografare, ha condiviso lo scatto su Facebook, ha creduto – questo il crimine massimo – che non ci fosse niente di male. “Vivi in un paese islamico, come hai potuto giocare con degli uomini?”, le hanno detto i signori della federazione calcistica iraniana, dopo averla bandita da tutti i campi del paese, chissà se per sempre o ad interim, e non conta né che sia una campionessa (ha giocato nella nazionale femminile iraniana per quattro anni), né che gli iraniani la amino molto, né che su quel campetto svizzero non stesse rappresentando nessuno se non la sua persona. Il corpo di una donna, però, è sempre latore di un peccato e un peccato è sempre un fatto pubblico, dunque proibito sia il giuoco a colei che ha osato ritenere di essere padrona di sé stessa, almeno in vacanza. Sulla vicenda, le rompitrici di silenzio non hanno speso né vocali né hashtag.

   

Non l’ha fatto neanche quella di loro che, da una disegnatrice iraniana – ma tu guarda le coincidenze –, è stata ritratta in posa combattente, aureolata da un motto contro la violenza sulle donne e che in queste ore chiede, a tutela della propria immagine, di non abusare di quel ritratto, che logo della guerra al patriarcato è e deve rimanere. Non un fiato neanche dalla disegnatrice iraniana. Non che servirebbe, intendiamoci. Per ora, a Shiva Amini ci pensa Shiva Amini.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Nambikwara

    Nambikwara

    29 Dicembre 2017 - 15:03

    Con un tè e un biscotto cosparso di marmellata di fichi, sento "Sciandivasci" via Radio 24: la Crivelli , in rassegna stampa, tesse le sue lodi per questo articolo. E' vero,piacevole e arguto come spesso accade. Auguri Sciandy, se vuole può togliere la y.

    Report

    Rispondi

  • guido.valota

    19 Dicembre 2017 - 10:10

    Del resto il collaborazionismo senza eccezioni con l'islam radicale è l'ultima speranza degli occidentali antioccidentali frustrati dai regolari fallimenti su scala mondiale della loro ideologia di riferimento. Soprattutto la Presidenta, che tiene tanto alla nostra educazione etica e dice la Sua su ogni virgola dello scibile e della cronaca, tace puntualmente solo su queste cose.

    Report

    Rispondi

  • marco.ullasci@gmail.com

    marco.ullasci

    18 Dicembre 2017 - 22:10

    Che pretese! La legge non e' mica uguale per tutti: alcuni sono piu' uguali degli altri.

    Report

    Rispondi

Servizi