cerca

L'influenza

Ogni anno si ripresenta, come le feste comandate o il conguaglio del gas. Meglio allora essere ben muniti di concetti di pronto impiego da snocciolare con nonchalance

19 Gennaio 2018 alle 06:00

L'influenza

Foto di Davide Taviani via Flickr

• Ogni anno è sempre peggiore di quella dell’anno precedente. Non capire perché.

 

• Se se ne parla con gli amici entrare in descrizioni minuziose dei disagi intestinali patiti.

 

• Le donne possono tranquillamente dileggiare la pusillanimità degli uomini che li rende dei relitti umani con appena due linee di febbre, mentre loro con trentotto e mezzo accompagnano i figli a scuola e fanno la spesa. Arabescare a soggetto.

 

• Sparare delle statistiche a caso. Non aver paura di dare dei numeri inverosimili di contagi: più si alza il numero, maggiore è la stoicità del malato.

 

• Non dimenticare mai di parlare della ricaduta che, notoriamente, è assai peggiore della prima passata.

 

• Cercare sempre di identificare l’untore che ve l’ha passata e maledirlo pubblicamente.

 

• Prendersela ogni anno con il medico, sia che siate stati male a seguito del vaccino, sia che vi siate ammalati perché vi ha detto che non era necessario.

 

• Ogni volta che ci si ammala evocare con accenti accorati l’ecatombe provocata dalla spagnola.

 

• Ogni anno passare un paio di mesi in preda al morbo a causa della staffetta dei figli che prima se la passano allegramente fra loro e poi si buttano sui genitori. Deplorare.

 

• Se il rapporto di amicizia è sufficientemente intimo, chiedere al convalescente con aria da carbonaro se ha avuto il cagotto. Se geograficamente adeguati chiamarlo anche squaràus.

 

• Ma hai preso gli antibiotici? Un mantra.

 

• Scagliarsi contro l’amico che insiste a curarsi con le medicine naturali nonostante siano quindici giorni che soffre come un cane. Valutare se allargarsi a una filippica contro tutte le medicine alternative.

 

• Sarebbe già abbastanza brutto avere l’influenza, ma la cosa peggiore è l’amico che insiste per consigliarvi il rimedio della nonna.

 

• Al secondo giorno di influenza conclamata complusare freneticamente tutti i siti internet che trattino la materia, fino a trovare quello che cita il caso di una morte – anche isolata in una remota isola tropicale –quindi cominciare a tormentare la propria compagna chiedendo un prete.

 

• Ogni anno il virus è sempre il più aggressivo dell’ultimo decennio. Interrogarsi su come sia possibile.

 

• Aspettare con ansia che qualcuno attribuisca la causa di questa influenza alle schifezze che respiriamo ogni giorno. Convenirne convintamente.

 

• Ricordarsi di menzionare la vecchia nonna friulana che è vissuta fino a centosei anni e non è mai stata dal medico.

 

• Chiamarla sempre con il nome scientifico per far capire che siete addentro alla questione. Quest’anno chiamarla familiarmente la H3N2.

 

• Otto giorni di febbre! Avrei avuto il tempo di scrivere ancora un libro. (Ultime parole di Honoré de Balzac  prima di morire, 1850)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi