cerca

Come fare bella figura senza necessariamente sapere quel che si dice

Netflix

Secondo alcuni la terra promessa dell’appassionato di serie tv, secondi altri la sòla del secolo. In ogni caso tranciate giudizi con l’opportuna sicumera

6 Novembre 2015 alle 06:24

Netflix
- Cool.

 

- Lamentarsi che il catalogo è troppo ristretto.

 

- Poter guardare film e serie tv sullo smartphone è una bella comodità. Valutare se chiedere chi guardi film e serie tv sullo smartphone.

 

- Non mancare di dire che già non guardavate più la tv e che ora potreste tranquillamente buttarla via.

 

- Diffidare dell’ennesima multinazionale che vuol fare dell’Italia terreno di conquista posiziona nell’area antagonista che non si lascia incantare dai lustrini e dalle paillettes del sistema. In certi ambienti può avere il suo fascino.

 

- Essersi abbonati principalmente per i bambini.

 

- Disdegnarlo con lo stesso disgusto con cui ci si tiene alla larga dal bestseller del momento. Come per quello, non è necessario saperne alcunché.

 

- Però “House of cards” tocca vederlo su Sky, perché gli avevano già venduto i diritti. Dolersene.

 

- Non guardare la tv perché poi non resta tempo per fare altro, però con Netflix è diverso. Non spiegare in cosa consista la differenza.

 

- Affermare che 8, 10 o 12 Euro al mese sono un prezzo più che onesto. Di seguito far partire una concettuosa pippa sulle strategie per combattere il downloading pirata.

 

- Tuonare contro l’ennesimo attentato alla visione collettiva dei film – che è la cosa per cui è nato il cinema – a favore di una fruizione onanistica, spesso interrotta da spuntini, pisciatine, telefonate, mail. Eventualmente dissertare su come ciò abbia cambiato il linguaggio cinematografico.

 

- Esprimere un acceso disappunto per il fatto che non si possono scaricare i contenuti e vederli poi offline: fa capire che la si sa lunga in tema di tecnologia e che non si è disposti a sacrificare sul primo altare che vi si presenta.

 

- Sostenere che la banda larga in Italia è ancora troppo poco diffusa e che perciò è una fuga in avanti.

 

- Netflix? Con la connessione che abbiamo in Italia? Ahahahahahahhah! (Variante livorosa della precedente)

 

- I film sono tutti vecchi. L’unica cosa figa sono le serie tv. (Commento di un lettore a un articolo di Repubblica sull'arrivo di Netflix)

 

- Paragonare Netflix a Sky o a Infinity significa non avere capito niente. Meno si spiega l’affermazione, maggiore è l’effetto. (Vedi seguente)

 

- Notare che metà di quelli che scrivono dell’arrivo di Netflix non hanno la minima idea di quello che scrivono.

 

- Essersi iscritto subito per fottere quelli della Rai, di Sky, di Mediaset e della pubblicità. Dirlo ostentando rancore.

 

- Decretare la già troppe volte profetizzata fine del DVD, anzi dire che è già archeologia, anzi cominciare a regalare in giro quelli che si possiedono. Chic.

 

- Sì, però che di serie tv arrivate alla settima stagione abbiano in catalogo solo le prime tre annate fa un po’ incazzare. Convenirne, ma replicare che presto l’offerta si amplierà enormemente.

 

- Avanzare dei dubbi che sia effettivamente così facile disdire l'abbonamento come dicono: sappiamo tutti come vanno queste cose in Italia ecc. Continuare a soggetto, anche indefinitamente.

 

- Da quando l’avete, la vostra singletudine non vi pesa più, giacché i weekend sono diventati un'unica maratona televisiva in cui vi sparate tre annate alla volta delle vostre serie preferite. Per essere molto up-to-date parlare di binge watching. (Vedi seguente)

 

- Dopo due giorni di binge watching estremo, tra cibi spazzatura consumati sul divano, bevande gassate svaporate e piaghe da decubito a causa dell’immobilità prolungata, l’atmosfera del soggiorno è simile a quella di Giove. Fondamentale aerare il locale o, almeno, munirsi di un deodorante ambientale efficace. Convenirne.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi