cerca

Come fare bella figura senza necessariamente sapere quel che si dice

Italiani in vacanza all'estero

Ovunque si vada non si fa che incontrarne a ogni pié sospinto. Ecco allora alcune banalità da dire con disinvoltura.

21 Agosto 2015 alle 08:39

Italiani in vacanza all'estero
- È imperativo cercare di non sembrare italiani.

 

- Anche se non si padroneggia alla perfezione l'inglese, tradurre sempre senza esitazioni le spiegazioni della guida, anche a costo di inventare, così da posizionarsi come intellettuale o perlomeno come l'uomo di mondo del gruppo. (Vedi seguente)

 

- “You know what I mean?” Imprescindibile.

 

- Pranzare in una supposta pizzeria italiana e poi lagnarsi per tutta la durata del soggiorno di quanto facesse schifo la pizza. (Vedi seguente)

 

- Evitare come la peste qualunque locale abbia anche solo una lontana parentela con l’Italia. Di seguito stigmatizzare quei compatrioti che non possono privarsi della pasta per più di ventiquattr’ore: provinciali.

 

- Ordinare in modo molto dettagliato un caffè ristretto, spiegando esattamente di quanti millilitri debba essere il prodotto finale, a che punto debba essere tolta la tazza dalla macchina eccetera, quindi restare frustrati quando arriva la solita tazzina piena fino all'orlo di un liquido beige. Tuonare contro l’ottusità dell’Europa. (Vedi seguente)

 

- Dissertare su quanto sia disgustoso il caffè all'estero: usurato. Nel caso qualcuno lo faccia lo stesso, stroncarlo elencando una mezza dozzina di modi in cui a Vienna si può ordinare un caffè, peraltro sempre ottimo.

 

- FCercare di riconoscere gli altri italiani dalla faccia. Chiosare che è molto più facile dedurlo dagli abiti.

 

- Durante il breakfast in hotel svalangarsi intere derrate di cibo nel piatto e di seguito giustificarsi con i commensali spiegando che si fa colazione solo in queste occasioni, altrimenti di solito si butta giù sì e no un caffè.

 

- Ma quanti italiani ci sono? Chiederlo compulsivamente ovunque ci si trovi.

 

- Essere moderatamente seccati quando si viene salutati da altri italiani. Avanzare ipotesi che spieghino il fatto.

 

- Di fronte a una qualunque opera d’arte degna di nota, diventare elegiaci rammentando che in Italia siamo sommersi dalla bellezza e proprio per questo non vi facciamo più caso. Arabescare a piacere sul tema.

 

- Se ci si trova in paesi nordeuropei fare commenti sulla pulizia ossessiva delle strade. Evitare di dire: “Se getti una carta a terra ti arrestano”. Usurato. (Vedi seguente)

 

- Se si è in paesi extraeuropei, alla prima schifezza che si incontra per strada osservare che sembra di essere a Roma.

 

- Stupirsi che all'estero la nostra lingua abbia un folto ed eterogeneo gruppo di fieri appassionati. Di seguito far partire una pippa sullo sport tutto italiano dell'autodenigrazione.

 

- Cercare di recuperare in un quarto d’ora al duty free i regali che si è dimenticato di acquistare durante tre settimane di vacanza. Orientarsi pateticamente su quegli oggetti che potrebbero passare per produzioni tipiche. Dolersene. Vergognarsene.

 

- Valutare se concionare sull'esterofilia degli italiani che li spinge a infarcire i discorsi di termini inglesi, nonostante la scarsa propensione alla conoscenza delle lingue, inglese compreso.

 

- Trovandosi a tavola con stranieri parlare di cibo (diverso da quello che si sta mangiando) e poi dimostrare autoironia osservando che è tipico degli italiani parlare di cibo mentre si sta mangiando.

 

- Anche se non si conosce neppure il nome della città che si sta visitando, provare un senso di superiorità ogni volta che si incrocia un gruppo di turisti al seguito di un accompagnatore. Sentirsi un po’ come Chatwin.

 

- Sostenere che possedere un taccuino Moleskine non trasforma nessuno in uno scrittore di viaggio, denota uno sguardo smagato sugli stereotipi della contemporaneità.

 

- Indignarsi nei confronti dei compatrioti che non appena toccato terra danno libero sfogo ad applausi e varie esultanze. Chiedersi quale alternativa all’atterraggio di successo avessero preso in considerazione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi