cerca

Il nuovo anno

È quasi impossibile non parlarne. C'è, però, chi lo fa con discrezione e chi, invece, lo trasforma in argomento di doviziosa trattazione. Che apparteniate alla prima, sparuta, categoria o all'incontenibile seconda, non mancate di dire la nostra sul nuovo anno.

3 Gennaio 2014 alle 00:00

- Fare il proposito di perdere dieci chili. Se lo si fa, evitare di dirlo: usurato. Comportarsi analogamente con lo smettere di fumare, fare attività fisica, curare meglio l’alimentazione.

- Dire di avere smesso di fare propositi che poi vengono puntualmente disattesi rivela un approccio esistenziale pragmatico e alieno al sentimentalismo. Plaudire.

- Provare grande comprensione per quei redattori dei settimanali che per la ventesima volta si devono inventare l’articolo sui buoni propositi per l’anno nuovo. Non arrivare a estendere la solidarietà fino a quelli che includono nell’elenco “Sorridi di più”. A tutto c’è un limite.

- Avere capito che i propositi per il nuovo anno non si realizzano a causa della loro arroganza e perché la vita ci tiene a smentirci. Alcuni esempi di buoni propositi di nuova generazione: diminuire le 60 sigarette quotidiane a 59; passare da 95 kg a 94,8; fare una passeggiata di almeno 0,5 km tutti i semestri. Qualora non si riesca a far fronte neppure a questi, ci si consoli constatando che si sono mancati obiettivi di scarsa importanza.

- Il periodo peggiore è quello dal 2 al 6 gennaio, perché le vacanze di fatto sono già finite, ma l’anno non è ancora incominciato davvero: è un limbo in cui si viene assediati dagli stessi terrori dei giorni precedenti una prima teatrale.

- Notare come mentre si era felici di tornare a scuola il 7 gennaio, da quando si lavora il 7 gennaio è dolore allo stato puro.

- Iscriversi in palestra il 7 gennaio, fare subito due ore, tornarci anche il 9, e a volte anche l’11, poi basta. Nota bene: per i primi tre anni pagare l’abbonamento annuale, poi scaltrirsi e corrispondere solo la quota mensile.

- Il primo giorno di lavoro controllare subito quando arriverà il prossimo weekend lungo. Ammirare/Compatire il/la collega che ha già la mappa completa di tutti i ponti dell’anno.

- Sentirsi molto in colpa nel caso l’anno appena terminato sia stato estremamente positivo.

- Aborrire quelli che fino al 7 gennaio postano su Facebook dei messaggi di amore universale come auspicio per il nuovo anno.

- Ammettere di non riuscire a impedirsi di avere pensieri superstiziosi, la prima volta che si fa qualcosa nel nuovo anno, come se ciò  potesse dare il tono a quella specifica attività per i successivi dodici mesi: la prima volta che si prende un aperitivo; la prima volta che si va al mare; la prima volta che si mangia un gelato ecc. Chiosare che per questo sarebbe meglio saltare la prima volta che si fa sesso e passare direttamente alla seconda.

- Professarsi razionalisti hegeliani, nondimeno contendere il numero di dicembre di Astra a colleghi e amici per leggere le previsioni del proprio segno per il nuovo anno. Qualora si risulti il favorito dello zodiaco, bullarsi.

- Continuare a scrivere 2013 nelle date fino a marzo inoltrato.

- Dopo oltre un decennio in cui ci si è strenuamente impegnati a non mandare sms di buon anno a nessuno, essere riusciti a riceverne solo due (a parte quello di una vecchia zia, ineliminabile). Pregustare il pieno successo del prossimo Capodanno.

- “Con quale desiderio lei entra nell’anno nuovo?” “Con il desiderio di essere risparmiato da domande del genere.” (Karl Kraus)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi