cerca

Gli UFO

Alcuni dicono che sono fra noi. Qualche giorno fa ce n'era persino uno in giro per la metropolitana di Milano. Altri pensano che i governi ci tengano apposta nell'ignoranza. Fervidi complottisti o scettici blu che siate, non mancate di farvi delle opinioni scontate sugli UFO.

18 Gennaio 2013 alle 00:00

- Non sopportare i romanzi di fantascienza, mentre - al contrario - si adorano i film. Fare eccezione per quelli di Asimov. In questo caso obiettare che, in realtà, sono romanzi filosofici.

- Recentemente Medvedev in un fuori onda ha confermato l’esistenza di un’agenzia governativa russa che sorveglia l’attività aliena, tipo quella di “Men in black”. Sfortunatamente i residui di un ordinamento democratico da noi impediscono una politica davvero creativa. Dolersene. (vedi seguente)

- Li ha visti anche Formigoni. Del resto, tutte quelle camicie psichedeliche qualche effetto alla lunga dovevano pur averlo.

- Ricordare la serie televisiva UFO degli anni Settanta di cui si apprezzava particolarmente il caschetto biondo platino del comandante Straker e il tono lisergico delle parrucche viola delle operatrici di Shado Base Luna. Senza dimenticare le loro tutine sexy. (vedi seguente)

- Spiegare l’acronimo di Shado (Supreme Headquarters Alien Defence Organisation) attesta l’intellettuale pop rigoroso. Se non lo si ricorda, ripiegare sulla differenza tra extraterrestri generici e UFO propriamente detti.

- Dare per certo che gli Usa nell’area 51 da decenni insabbino ogni notizia sui contatti con gli extraterrestri. Se qualcuno obietta che non esistono prove dell’esistenza di forme di vita extraterrestre, vedere in ciò la prova dell’efficacia del complotto negazionista.

- Conoscere uno che dice di essere stato rapito dagli alieni.

- In tempi più ingenui si parlava solo di marziani, poi a un certo punto sono comparsi gli alieni. Domandarsi quando. Valutare se far partire una pippa sull’evoluzione della lingua: operatore ecologico e non spazzino, tracimare e non straripare ecc.

- Citare “Un marziano a Roma” di Flaiano e chiedere a qualcuno antipatico se lo ha letto, sperando risponda di averlo trovato bellissimo per replicare: “Bellissimo? Casomai bellissima: era una commedia.”

- Trovare “E.T.” una mattonata mortale. Adorare gli extraterrestri bastardissimi di “Mars attack”.

- Infilare E.T. nella conversazione dopo aver scommesso di nascosto con un amico che entro cinque secondi qualcuno dirà “telefono-caasa”. Se accade, esultare platealmente.

- Interrogarsi su quale particolare forma di masochismo spinga certe persone a passare da sciroccate raccontando le loro esperienze con gli UFO nei contenitori televisivi del pomeriggio.

- Rilevare spiccate somiglianze tra il bar di Guerre Stellari e alcune puntate di Ballarò denota il talento del commentatore politico e/o di costume di razza.

- Essere vagamente infastiditi dall’appropriazione di Star Trek da parte dell’immaginario nerd.

- Sostenere che il pa-pa-pa-paa-paaaa di “Incontri ravvicinati del terzo tipo” sia il più grande attacco dai tempi della Quinta di Beethoven.

- Se si parla di incontri ravvicinati del terzo tipo notare che nessuno conosce gli altri sei tipi. Non è necessario conoscerli veramente.

- Figurarsi se i francesi potevano chiamarli UFO! Infatti, li chiamano OVNI (Objet Volant Non Identifié). Replicare disinvoltamente che gli svedesi dicono OFO (oidentifierat flygande object) riscuote un quasi sicuro apprezzamento.

- Avere avuto un ex collega che sosteneva che l’uomo non è mai veramente andato sulla luna. A dimostrazione lanciava un sasso in aria e quando questo ricadeva, concludeva: “Figurarsi un missile, che pesa molto di più”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi