cerca

I calendari

Si avvicina la fine dell'anno e, puntuali come cambiali, si ripresentano. I negozi li espongono, i clienti ve li regalano, i ristoranti li danno in omaggio. Che li amiate o che vi facciano schifo, questi sono i giorni adatti per snocciolare pensieri riciclati sui calendari.

30 Novembre 2012 alle 00:00

- Sta per arrivare il Natale. Accorgersene dal moltiplicarsi dei servizi sul calendario Pirelli. 

- Ricordare con nostalgia quelli con le donne nude delle carrozzerie di una volta. Ideologicamente preferibili a quelli subdolamente patinati di oggi, che non hanno neppure il coraggio di una franca pornografia. 

- Detestarli tutti, particolarmente quello di Frate Indovino che ti dice quando seminare il luppolo o come togliere le macchie di corbezzolo dal grembiale. 

- Chi decide che alcuni Santi spariscano dal calendario? Forse che anche in Paradiso ci siano la serie A e le serie minori? Chiederselo pensosamente lascia intuire una sensibilità laica.

- Attenzione a non farsi cogliere mentre in ufficio si naviga tra quelli delle varie riviste maschili. Piuttosto che farsi sorprendere, ostentare. 

- Proporre gli arresti domiciliari per chi tiene sulla scrivania calendari con gattini e altri teneri animali domestici.  

- Sono oggetti che mettono tristezza. Convenirne. 

- C’è solo un oggetto più triste del calendario: il calendario del ristorante cinese. 

- Ricordarne alcuni con particolare affetto, specialmente quello del 2001 di Daniela Santanchè per il mensile Espansione. 

- Una volta qualificavano chi li esponeva: il dirigente tradizionalista aveva quello da tavolo con le due penne ai lati; il sincero democratico un po’ creativo quello con i dadoni da far ruotare; la nonna quello con i numeri grossi; la maestra quello con i foglietti da strappare. L’avvento dei cellulari ha reso tutti uguali: sproloquiare sull’omologazione. 

- Aspettarsi da un anno all’altro che Toscani faccia un calendario con dei veri cadaveri di homeless o di visoni.  

- Quando un’attrice semifamosa o un fotografo famoso devono pagare il mutuo fanno un calendario. Citare quelli di Avedon per la Pirelli: quello del 1995 meglio di quello del 1997. 

- Conoscere qualcuno nato il 29 febbraio. Dire che così invecchia quattro volte più lentamente degli altri: evitare. 

- Stigmatizzare le agende digitali, con le quali è solo questione di tempo, ma prima o poi i dati li perdi. Al contrario, quelle cartacee erano più scomode da portare in giro, ma molto più affidabili. Di seguito far partire una pippa sulla deperibilità della tecnologia: oggi possiamo ancora leggere libri di mille anni fa, ma siamo incapaci di aprire un documento del Commodore 64. 

- Da ragazzini l’unica forma di calendario era il diario scolastico. Ricordarsi di alcuni compagni di classe che alle elementari avevano il DiarioVitt, il cui autore era in odore di destra; poi al liceo gli stessi sono passati senza soluzione di continuità alla Smemoranda, che era apertamente di sinistra. Osservare che già da allora le categorie novecentesche stavano perdendo di senso.

- Un vero vertice dada, il calendario dei preti romani in vendita nelle bancarelle di souvenir.  

- Stigmatizzare qualunque tipo di calendario figurativo. Trovarli tutti irrimediabilmente trash.  

- Provare un senso di angoscia esistenziale quando da un cassetto salta fuori un calendario di qualche anno prima. Tentare un’analisi dei motivi, per quanto sommaria, suggerisce un ricco mondo interiore. 

- Avere il computer settato sul 2025 e non sapere come modificare la data. Dissertare sul senso di irrealtà che può derivarne. 

- Inarrivabili oggetti cult quelli della serie “Belle e bare” della cofanifunebri.com 

- Notevole esempio di marketing estremo il calendario From Girls (fromage-girls) in cui belle ragazze poco vestite illustrano dei formaggi francesi. Insuperabile il mese di agosto 2012 con Mademoiselle Géraldine Gruyère in reggiseno e culotte leopardate inginocchiata davanti a una vacca e a una forma di Gruviera.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi