cerca

La Coca-Cola

Più che una bevanda è un manifesto ideologico. Irrinunciabile per alcuni, anima nera del junk food dilagante per altri. Comunque la pensiate, eccovi quel potete dire della Coca-Cola. Enjoy.

8 Giugno 2012 alle 00:00

- L'avamposto dell’imperialismo americano nel mondo.

- Dire che se vi si immerge un chiodo, dopo una settimana non lo si trova più. Se qualcuno lo fa, replicare di essere a conoscenza di questa proprietà, ma con altri oggetti: monete, pinze, chiavi ecc.

- Evocare gli spot natalizi con la gente che fa il coro sotto l’albero in magica armonia. Astenersi dal cantare il ritornello, sostituendo le parole che non si ricordano con “na-na-na-na-na”.

- La sua formula è il segreto meglio custodito degli Stati Uniti.

- Quella vera è solo la classica. Stigmatizzare le varianti per nevrotici Zero, Light, Diet.

- Stilare la classifica: insuperata quella nelle bottigliette, poi quella in lattina (un po’ troppo gassata), poi quella nelle bottiglie di polietilene, ultima quella dei fastfood (annacquatissima).

- Berla esclusivamente con ghiaccio e spiegare che non è solo per raffreddarla, ma anche per sgasarla. Discutere se la fettina di limone sia una contaminazione sincretistica: i puristi la evitano.

- Attribuirle la corresponsabilità di uno svariato numero di colpi di stato in Sudamerica, incluso quello in Cile del 1973.

- Buttare là con nonchalance che tre dei prodotti più venduti al mondo – la Coca-Cola, le Marlboro e la zuppa Campbell – hanno il packaging bianco e rosso: testimonia vasta cultura nel campo della comunicazione e del marketing.

- Astenersi dal berla perché simbolo di un sistema che si aborre. Vale anche berla nonostante, perché va bene l’ideologia, ma non si può mica rompere i coglioni su tutto.

- Preferirla alla Pepsi – troppo dolce – che, invece, piace molto agli Americani.

- Citare alcuni patetici succedanei, tipo la Royal Crown Cola degli anni Settanta.

- Vantarne il prodigioso potere digestivo cui nulla resiste, neppure la cassoeula.

- E' perfetta per rendere alle cromature dei lavandini il perduto splendore. Spiegare che ciò accade in virtù dell’acido ortofosforico.

- Avanzare la teoria secondo la quale la forma della bottiglia sarebbe ispirata a Mae West con l’abito aderente detto hobble skirt.

- Favoleggiare del suo potere allucinogeno se bevuta con un’aspirina.

- Se in gioventù si è soggiornato negli States, non mancare di raccontare che i teenager locali la usavano come anticoncezionale. Lascia immaginare esperienze di vita variegate e outrées.

- Se qualcuno la nomina, trovare il modo di citare “La società dello spettacolo” di Guy Debord. Meno si spiega il nesso, maggiore è l’effetto.

- Dire che per definire le leggende nate intorno alla Coca-Cola è stato coniato il termine "cokelore": posiziona come attenti critici della contemporaneità.

- Se il contesto lo consente, ammettere di averla bevuta per primeggiare nelle gare di rutti. Evitare di raccontare del compagno di classe che recitava "L'infinito" di Leopardi ruttando.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi