cerca

Cool restaurants

Non si può non frequentarli, non si può non raccomandarli. Sono i templi della vita sociale metropolitana: i cool restaurants. Impossibile non dire la propria.

17 Dicembre 2010 alle 00:00

– Bisogna guardare dove vanno a mangiare i camionisti.

– E' una vecchia leggenda che nei ristoranti dove vanno i camionisti si mangi bene: in realtà i camionisti hanno sempre mangiato malissimo.

– E' immorale spendere trecento euro a persona per mangiare. Ribattere che in Francia a parità di livello di ristorazione si arriva tranquillamente al doppio, denota conoscenza del mondo.

– Questa storia delle guide gastronomiche è solo un gran giro di soldi, ci sono ristoranti che da anni hanno una valutazione altissima anche se si mangia così così.

– Comunque, anche se adesso è un po’ meno di moda di una volta, Gualtiero è sempre Gualtiero.

– La cucina molecolare è una cazzatona divertente, ma vuoi mettere una bella carbonara?

– I Francesi se la tirano insopportabilmente, però bisogna ammettere che hanno un’organizzazione a difesa del loro patrimonio gastronomico che noi ce la sogniamo.

– Osservare che l’abitudine dei ristoranti francesi di classe di tenere pochissime bottiglie di vino italiano è una battaglia di retroguardia, qualifica come conoscitori della scena gastronomica internazionale.

– La nouvelle cuisine ormai resiste solo in certe pizzerie aspirazionali del varesotto. Chiedersi dove trovino dei piatti così grandi.

– Nel raccontare i pregi di un ristorante dire sempre che privilegia la cucina del territorio.

– Detestare l’aria da gran sacerdoti di alcuni chef, per cui invece di andare al ristorante sembra di andare a messa.

– Vissani è rozzo, tranne quando è ai fornelli: un po’ come Caravaggio che era un disgraziato, ma dipingeva come un dio.

– In Liguria per mangiare bene bisogna evitare la costa. La regola generale è che si mangia tanto peggio quanto migliore è la posizione del ristorante.

– Quando si portano degli amici a cena in un ristorante dove si è mangiato bene l’anno prima, inevitabilmente quella sera è morto il cuoco.

– Sarà razzismo, ma ogni volta che vado al ristorate cinese non riesco a non pensare ai cani appesi in cucina.

– Ma vuoi mettere due spaghetti fatti bene? Evitare sempre.

– Scegliere il ristorante per portare a cena una donna la prima volta è un’arte: se è troppo chic rivela ansia da prestazione, se è troppo rustico rivela eccessiva sicurezza. Al limite, meglio un kebab.

– Se qualcuno dice che i piatti dei ristoranti esotici dopo un po’ hanno tutti lo stesso sapore, notare che agli occhi di un occidentale medio anche tutti gli orientali si assomigliano: è una questione di habitus mentale.

– Però i ristoranti indiani di Londra sono tutta un’altra cosa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi