cerca

Il fumo

La puntata di questa settimana è dedicata al fumo: una volta, la materializzazione del fascino maschile, oggi sempre più un marchio d'infamia.

2 Luglio 2010 alle 00:00

- In America i fumatori sono i nuovi appestati, tanto che in alcuni stati è vietato persino fumare per strada. Tuonare contro la Mayflower e il puritanesimo

- Da quando per accendersi una sigaretta bisogna uscire dai locali sono diminuite le morti per cancro al polmone, ma sono aumentate quelle per polmonite

- Tenere un accendino in tasca anche se non si fuma è molto chic. Inoltre consente di attaccare bottone con le fumatrici

- Ormai a fumare sono rimasti solo i ragazzini delle medie e le donne

- Le sigarette al mentolo sono buone solo la prima volta, dalla seconda fanno schifo per tutta la vita. Domandarsi a chi le vendano

- Avere avuto un nonno che ha sempre fumato tre pacchetti al giorno, bevuto due litri di vino a pasto, trombato chiunque e che è vissuto gloriosamente fino a novantasei anni. Dirlo prima di bere un decotto di erbe cinesi per riequilibrare lo yin e lo yang fa molta simpatia

- Puoi leggere tutti i libri che vuoi, ma se non hai volontà non smetti

- Adesso c’è la sigaretta elettronica che, pare, funzioni. Se qualcuno dice questa frase chiedere se per accenderla si debba avere l’application che trasforma l’iPhone in un accendino

- Una donna che fuma le Marlboro fa un po' camionista, una donna che fuma le Capri lascia presagire abissi di torbida lussuria

- Aver accompagnato la propria fidanzata alle tre di notte di Ferragosto all’autogrill di Casei Gerola per comprare le sigarette. Da allora tenere a sua insaputa svariati pacchetti nascosti dietro i libri

- Nei film fino agli ‘60 fumavano tutti come pazzi. Oggi Humphrey Bogart non sarebbe diventato nessuno

- Ricordare con aria sognante quando si poteva fumare in aereo sottintende inebrianti trascorsi nella jet-society

- Scusa, c’hai una siga?

- Mark Twain diceva che smettere di fumare è facilissimo, infatti lui l’aveva fatto decine di volte; io ho solo perfezionato la tecnica: smetto venti volte al giorno

- Non sono sicuro che se smettessi di fumare avrei una vita più lunga, ma so che passerei tutto il tempo ad aspettare la fine per uscire a fare un tiro

- Osservando una donna che fuma per strada stigmatizzare gli obiettivi sbagliati del femminismo, come il diritto di pagare il conto al ristorante o di aprirsi la portiera da sole

- Da dire con un sorriso apotropaico al tabaccaio: “No, il pacchetto sul cancro al polmone ce l’ho già. Che ce l’ha mica quello sulla riduzione della fertilità e l’impotenza?”

- In realtà si preferirebbe il sigaro, ma per evitare di passare per Al Capone si ripiega sulle sigarette. Per le donne, sostituire Al Capone con George Sand

- Fumare un sigaro per una donna è indice di volitività e indipendenza di spirito. Più grande è il sigaro, maggiori sono le suddette qualità. Per un uomo è sconsigliato oltrepassare i quindici centimetri, onde non prestare il fianco a illazioni sulla propria virilità

- Ho provato col cerotto, ma dopo due giorni ho cercato di succhiarlo e ho lasciato perdere

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi