cerca

Del vostro meglio

Uno spettro si aggira per la rete: lo spettro del luogocomunismo. In occasione della ventesima puntata, questa settimana il primo Best of Manuale di Conversazione, con una scelta dei più spettacolari luoghi comuni suggeriti dai lettori.

25 Giugno 2010 alle 12:30

- Entrare in ospedale per farsi fare degli esami è come sfogliare l’enciclopedia medica, più indaghi e più malattie scopri di avere.
(Angelo Faraoni)

- Le Manolo Blahnik sono olderrime. Christian Louboutin è il nuovo mantra.
(Davide Cirina)

- Sono stato su internet due giorni per trovare il volo più rapido tra Pechino e Roma e poi ho passato la domenica in auto per andare all’outlet.
(Roberto Marini)

- Ci deve essere qualcosa che non va nella lingua italiana se le case si costruiscono con i laterizi e i formaggi si fanno nei caseifici. Inframmezzare questa considerazione a una discussione su qualsivoglia argomento rivela spirito di osservazione e doti umanistiche.
(Piero Poggi)

- Il calcio è lo sport più democratico. In quale altra disciplina uno come Maradona, con la pancetta, poteva essere un campione?
(Gianluca Greco)

- Anche in Egitto fa caldo, ma da noi c'è da morire, perché non è tanto il caldo, quanto l'umidità a essere insopportabile.
(Francesco Bosi)

- E' molto meglio partire a settembre, così quelli che sono appena tornati muoiono d’invidia.
 (Luca Bergamaschi)

- Dicono che faranno treni ancora più veloci, ma poi, appena piove un po’ di più, frana tutta la tratta della Calabria.
(Elisa Infante)

- Il doppiaggio dei film è uno dei regali che ci ha lasciato il piano Marshall per diffondere i modelli culturali di Hollywood. Comunque i nostri doppiatori sono i migliori del mondo.
(Claudio Giorgio Favaro)

- Tra talent e reality c'è una bella differenza, mio caro.
(Fabrizio Scarfone)

- Dire di avere le idee ben chiare su chi siano i responsabili del dramma israelo-palestinese, anche se preferite non parlarne per non rovinarvi la serata.
(Luca Meneghel)

- Le olandesi di Amsterdam sono tutte belle. Mi sento un cesso appena arrivo a Schiphol.
(Federica Camurri)

- In qualunque bar del mondo fuori dall’Italia dire sogghignando: “E questo lo chiamano caffè?”
(Cristina Venditti)

- E i Beatles? Dove li mettiamo i Beatles?
(Stefano Tassinari)

- Dell’auto usata che si è appena acquistato dire senza eccezione che è appartenuta a un signore anziano che la teneva sempre in garage e la usava solo per andare al supermercato.
(Thomas Rinetti)

- I Baschi sono un popolo misterioso. Dire che sono etruschi e/o fenici fa sempre colpo.
(Fulvio Tramontano)

- Al ristorante, mai mangiare cannelloni e lasagne, chissà che carne ci mettono dentro! Vuoi fregare il ristoratore? Spaghetti al pomodoro e una fettina ai ferri.
(Alessandro Ferranti)

- Ha chiamato mio padre: ha detto che da domani ritorna il freddo.
(Maddalena Patti)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi