cerca

Al cinema

Chi non è andato almeno una volta nella vita al cinema? Quale argomento migliore per fraternizzare, discutere con amici o passare un po' di tempo. Ecco tutto quello che si deve dire toccando l'argomento.

9 Aprile 2010 alle 00:00

-Niente può sostituire la magia della sala buia

- Io devo andare al cinema almeno una volta alla settimana: è un’esigenza fisica

- Irridere gli spot delle pizzerie che precedono il film: chiedersi come riescano a farli così brutti

- E' molto chic lamentarsi dell’abitudine tutta italiana di doppiare i film stranieri

- I sottotitoli distraggono. Contestualmente dire che i nostri doppiatori sono i migliori al mondo

- Stupirsi di come a teatro si affronti senza battere ciglio tutto l’Anello del Nibelungo, mentre al cinema non si vada oltre Boldi

- In fila alla biglietteria ricordare quando si poteva entrare in sala in ogni momento, magari vedendo il secondo tempo prima del primo

- L’intervallo tra il primo e il secondo tempo siamo rimasti gli ultimi a praticarlo in Europa. Dirlo, dà l’impressione che si conduca uno stile di vita internazionale

- Il 3D fa venire il mal di mare ed è una cosa per adolescenti, ma gli occhiali di oggi sono fichissimi, mentre quelli rossi e blu di una volta erano pietosi

- Deplorare il senso di massificazione che ispira la multisala. Rimpiangere quando si poteva scegliere tra platea e galleria

- L’ultima fila era l’ideale per pomiciare, purtroppo poi è arrivato il dolby surround

- Rievocare i tempi in cui si andava al cinema dell’oratorio principalmente per riempirsi di bubble-gum, morbidoni e stringhe di liquirizia. Dirlo solo in presenza di coetanei con cui solidarizzare

- Osservare che fino all’inizio degli anni ’80 i personaggi dei film fumavano in continuazione suggerisce una vasta cultura cinematografica. En passant rabbrividire di disgusto al pensiero di quando si poteva fumare in sala e nel secondo tempo c’era la nebbia

- Tuonare contro l’abitudine importata dall’America di sgranocchiare incessantemente pop-corn per tutta la durata del film; per tacere dell’odore

- Andare a vedere un film porno subito dopo aver compiuto 18 anni è stato il rito di iniziazione sessuale della nostra generazione. Non specificare di quale generazione

- Grazie a internet sono spariti i cinema porno. Se qualcuno dice questa frase rilevare che la società italiana è sempre più vecchia e contemporaneamente sempre più crudele con gli anziani

- Saranno anni che non vado al cinema. Sai, con i bambini… bisogna trovare la baby-sitter, poi il parcheggio è un incubo e allora bisogna andare in taxi, che quando piove non lo trovi mai… e poi quando c’è un film di richiamo, il sabato sera bisogna picchiarsi e allora per evitare la fila si deve prenotare… Molto meglio un bel dvd sul plasma da 72” pollici, così posso anche stopparlo se mi scappa la pipì

- Ma la bomboniera la vendono ancora?

- Io i film li scarico da Internet. Soprattutto dopo aver visto lo spot contro la pirateria

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi