La bionda della porta accanto

A New York solo lodi per il debutto alla regia di Greta Gerwig. E piace anche il docufilm su Arthur Miller

23 Ottobre 2017 alle 12:47

La bionda della porta accanto

Foto LaPresse

“Lady Bird”, il debutto nella regia dell’attrice sceneggiatrice sex symbol degli intellettuali yankee Greta Gerwig, ha suscitato recensioni entusiastiche e standing ovation a due festival di rango, a Telluride lo scorso settembre, e al New York Film Festival (NYFF55) appena concluso, la cinquantacinquesima edizione al Lincoln Center. Gerwig, la bionda-imbranata-della-porta-accanto è nota per la stretta collaborazione artistica e personale con l’autore Noah Baumbach (“Frances Ha”, “Mistress America”, “Il calamaro e la balena”). “Lady Bird”, sin dal festival di Telluride dove...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi