cerca

Il logista

Federica Fantozzi, Marsilio, 256 pp., 16,50 euro

28 Giugno 2018 alle 11:08

Il logista

Una strage terroristica di stampo jihadista in un resort di lusso alle Maldive uccide una giovane coppia di turisti romani. Amalia, giornalista di un piccolo quotidiano della Capitale (dall’ambizioso nome il Vero Investigatore), inizia a indagare sul passato dei due giovani e improvvisamente nel suo quartiere, Ponte Milvio, si imbatte in una vecchia fiamma dei tempi universitari, Tancredi. E’ lui il logista, una sorta di “Mister Wolf” che si occupa di gestire  i trasferimenti di facoltosi professionisti in paesi ad alto rischio, spesso in stato di guerra. Attraverso una delicata attività borderline, in perenne contatto con polizia, servizi segreti e fazioni militari, il logista si prende cura dei suoi clienti (da uomini d’affari a scrittori) prelevandoli all’aeroporto, assicurando un alloggio con tutti i comfort e mezzi di trasporto idonei, ma soprattutto garantendo loro una totale sicurezza durante l’intera permanenza sul posto.

 

Da Tancredi, Amalia si lascia accompagnare alla Camilluccia, per realizzare un servizio giornalistico sulla casa della coppia vittima della strage. Realizza uno scoop, ma poi tutto cambia. Il corpo di Tancredi viene ritrovato senza vita accanto a una bottiglia di whiskey e cristalli di droga. E’ il passato che porta il conto al logista. In fondo, come riflette Amalia, a ogni azione corrisponde una reazione: “Ogni scelta ha un prezzo, ogni gesto ha delle conseguenze, a partire da quello che ordini al mattino per colazione. Solo che spesso lo scopri troppo tardi”. Le conseguenze delle azioni compiute da Tancredi nelle zone grigie del mondo sono arrivate, e sono fatali.

 

Gli investigatori pensano al suicidio ma le cose si complicano quando Amalia riceve un biglietto con l’immagine di uno scorpione dai contorni dorati e l’avvertimento di una minaccia incombente. La ragazza inizia un’indagine testarda e solitaria, giungendo fino alla Londra degli affari. Ritmo incalzante, mistero e colpi di scena guidano un thriller dall’attualità disarmante. Sullo sfondo una Roma ormai mutata, dove la movida frenetica ha preso il posto delle tradizioni di borgata e le periferie sono abbandonate all’incuria e al degrado. E poi la minaccia terroristica, con la costante sensazione di insicurezza collettiva. Non è un caso che l’idea del romanzo sia venuta all’autrice dopo aver seguito nel suo lavoro da giornalista le drammatiche vicende degli attentati a Parigi, al teatro Bataclan e non solo, del novembre 2015. E lì dove l’ideologia religiosa si combina con la disperazione umana, per bocca di uno dei personaggi del romanzo viene smentito anche uno dei tanti falsi miti sul jihadismo europeo: “Non è la povertà a farli ticchettare, è il vuoto dentro”.

 

IL LOGISTA
Federica Fantozzi
Marsilio, 256 pp.
16,50 euro

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi