I consigli di lettura di Stefano Cao

Gli italiani leggono sempre meno, i manager non lo fanno così spesso. Abbiamo trovato 20 eccezioni

5 Gennaio 2018 alle 11:07

Abbiamo chiesto a venti manager quali libri hanno portato con loro durante le vacanze natalizie o che consigliano ai nostri lettori (oppure ai loro colleghi). L’impressione è che in momenti di tranquillità la lettura non sia affatto sgradita e nemmeno completamente assorbita da saggi economico-finanziari. Romanzi e poesie non mancano. Eccoli.

 


 

Stefano Cao, ceo di Saipem. Consiglia come lettura “Connectography: Mapping the Future of Global Civilization” di Parag Khanna (Fazi, 2016), lo stratega geopolitico di fama internazionale descrive le nuove frontiere di un mondo in continua evoluzione in cui gli stati sono definiti dai flussi di persone in movimento, dai legami finanziari, commerciali ed energetici e dove le infrastrutture determinano le interconnessioni. Un viaggio straordinario e visionario in un mondo connesso, in cui è proprio la possibilità di essere sempre connessi, la più grande rivoluzione del Ventunesimo secolo. L’umanità sta investendo fino a dieci miliardi di dollari l’anno in infrastrutture e trasporti in grado di collegare le città, questo ha profonde conseguenze per la geopolitica, l’economia, la demografia e anche per l’identità sociale. Nel libro di Khanna la crescente connessione valica le frontiere geografiche e diventa la chiave per interpretare il destino e il futuro dell’umanità.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi