I consigli di lettura di Antonio Catricalà

Gli italiani leggono sempre meno, i manager non lo fanno così spesso. Abbiamo trovato 20 eccezioni

Abbiamo chiesto a venti manager quali libri hanno portato con loro durante le vacanze natalizie o che consigliano ai nostri lettori (oppure ai loro colleghi). L’impressione è che in momenti di tranquillità la lettura non sia affatto sgradita e nemmeno completamente assorbita da saggi economico-finanziari. Romanzi e poesie non mancano. Eccoli.

 


 

Antonio Catricalà, presidente di Adr (Aeroporti di Roma). Confessa che per le vacanze (brevissime) di Natale, ha letto “Il potere del cazzeggio” di Srini Pillay (Centauria, 2017). L’autore, un neuropsichiatra che insegna ad Harvard, vuole rivalutare i nostri momenti di disattenzione. Solo con l’alternanza tra distrazione e concentrazione diventiamo (più) intelligenti e raggiungiamo più facilmente i nostri obiettivi. Insomma fantasticare, divertirsi e persino sbagliare fa bene al cervello e migliora la nostra vita. Anche premi Nobel, atleti, professionisti hanno dovuto imparare a distrarsi prima di raggiungere la grandezza e Pillay dimostra come il tempo che a volte siamo portati a considerare perso, sia, in realtà, guadagnato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi