Aspettando Bojangles

Olivier Bourdeaut
Neri Pozza, 141 pp., 15 euro
Aspettando Bojangles

Le due parole che forse meglio riassumono “Aspettando Bojangles” sono follia e leggerezza. Pur trattando un tema drammatico come la malattia mentale, questo romanzo è intriso di ironia e romanticismo e fa apparire la pazzia come un mezzo magico per sottrarsi alla banalità quotidiana. La storia è assurda e irrealistica quanto i personaggi che la animano. Racconta le vicende di una famiglia del tutto particolare, in cui il padre dà ogni giorno un nome diverso alla moglie, la madre si rivolge a tutti – compreso il figlio – dando del voi, il bambino non va a scuola ma riceve una singolare educazione casalinga, e una gru adottata in Numidia si aggira per la casa, in qualità di animale domestico, oscillando il lungo collo nero. Ogni sera i due genitori organizzano una festa invitando ospiti, tra cui c’è sempre un buffo e grasso senatore, il miglior amico della famiglia. Marito e moglie ballano continuamente, di giorno e di notte, da soli o in compagnia, soprattutto sul ritmo di “Mister Bojangles” di Nina Simone, una canzone allegra e triste nello stesso tempo. Oltre alla musica e ai cocktail, la passione dei due coniugi sono le bugie. Si divertono a inventare storie strampalate per abbellire la verità o forse per nascondersi da essa. La madre, che “non tratta il suo piccolo né da adulto né da bambino, ma come un personaggio da romanzo”, chiede spesso al figlio: “Quando la realtà è banale e triste, inventatemi una bella storia”. Agli occhi del bambino, attraverso il quale la storia è narrata, tutto sembra un gioco. Ma la narrazione viene inframmezzata e completata da un altro punto di vista, più lucido e consapevole: quello delle pagine di diario scritte dal padre e destinate, in futuro, a diventare un romanzo. Si apprende quindi che la donna soffre di isteria, bipolarismo e schizofrenia, e che il marito la asseconda per amore in ogni sua trovata, lasciandosi trascinare volentieri in questo vortice di follia dove è più facile assaporare la vita. Anche quando la triste verità si palesa e arriva il momento di affrontarla, prevalgono sempre la tenerezza e la gaiezza, mentre la malinconia rimane velata sullo sfondo. Perfino nel finale non è possibile trattenere un sorriso. In questo romanzo si mischiano sapientemente stravaganza e semplicità, servite con una prosa scorrevole, immediata e incalzante. Un esordio interessante per Olivier Bourdeaut, che prima di dedicarsi alla scrittura è stato agente immobiliare, factotum in una casa editrice di libri scolastici e raccoglitore di sale. Viene da chiedersi se la sua esperienza personale si rispecchi nella citazione di Bukowski che apre il romanzo: “Alcuni non impazziscono mai… la loro vita dev’essere parecchio noiosa”.

 

ASPETTANDO BOJANGLES
Olivier Bourdeaut
Neri Pozza, 141 pp., 15 euro

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi