Buttanissima Sicilia

Pietrangelo Buttafuoco

Bompiani 2014, 206 pp., 12 euro (ebook 6,99 euro)

23 Dicembre 2015 alle 15:42

Buttanissima Sicilia

Il mio libro del 2015 è “Buttanissima Sicilia” di Pietrangelo Buttafuoco. Lo è senza dubbio. Non solo per via dell’argomento; non solo perché l’ha scritto un mio amico; non solo perché il libro sé, dialogando con l’autore, l’ho visto crescere; non solo perché – manco a dirlo – l’ha dedicato a me; non solo perché da Buttanissima s’è poi generato il teatrino, di cui firmo la regia – quello che con Salvo Piparo, con Costanza Licata e con Irene M. Salerno, e con la manina di Ficarra & Picone – ha macinato il tutto esaurito in tantissime piazze, prossimo ad arrivare anche alla stagione del Carignano di Torino; non solo perché da quel libro giallo ne è derivato un vero e proprio movimento d'opinione ma anche per altri motivi.

 

Eccoli: “Buttanissima Sicilia” è dedica d’amore alla propria terra da parte di chi, andandosene via, l’ha incisa sulla pelle; grido di rabbia e di passione di chi vede quel triangolo, tutto lapilli mare coste grano ulivi gelsomini, violentato da clientelismo e apatia. C’è tutta la Sicilia, quella di “ieri, oggi e domani”: personaggi del recente passato e del presente dalla penna impietosa escono attori di una tragedia che si consuma nell’incuria del governo di Roma. E’ un libro elegante nel suo dare in letteratura lo scempio ridicolo e tragico dei siciliani che comandano. E’ un travaso continuo dalla letteratura alla cronaca, dagli aneddoti alla riflessione. E’ il cuntu di una terra che ha fatto delle virtù, vizio e dell’innocenza, colpa. Una su tutte, l’Antimafia.

 

Il libro esorcizza quel “muoviti fermo”, l’ethos dei gattopardi siciliani che, della Sicilia, ha fatto purtroppamente la fogna del potere.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi