La Cina cambia

Francesco Sisci
goWare, 68 pp., 9,99 euro

27 Novembre 2015 alle 06:36

La Cina cambia

La Repubblica popolare cinese non è più la vecchia Cina, ma si sta trasformando in qualcosa di  completamente nuovo e il risultato della sua evoluzione sarà legato in particolar modo all’America. Sinologo di fama, Francesco Sisci insiste sul fatto che quasi tutto ciò che Pechino ha fatto nel corso dei secoli è andato perduto. Acconciature e vestiti glamour al posto delle tradizionali treccine degli antichi mandarini o degli abiti severi dell’epoca maoista. Limousine, treni veloci e aeroporti fantascientifici al posto dei risciò delle Concessioni o delle biciclette della Rivoluzione culturale. I figli unici, “piccoli imperatori”, attorniati di nonni al posto delle famiglie numerose e delle innumerevoli concubine. I grattacieli più vertiginosi invece dei profili piatti che caratterizzavano le città cinesi fino ad appena una ventina di anni fa. I colori delle luci al neon invece dei fuochi d’artificio o delle lanterne. E queste sono in fondo solo le trasformazioni più esteriori. Più importante è, semmai, il passaggio da una concezione “imperiale” del potere politico a un nuovo tipo di direzione politica ormai decisamente collegiale.
Certo, non ancora pienamente democratica in senso occidentale, ma  secondo Sisci l’opinione pubblica si fa sempre più importante, e il Partito comunista “ha iniziato a promuovere la democratizzazione del paese, nonostante i molti dubbi sui possibili aspetti negativi del nuovo sistema”. Importante è anche il cambio di mentalità per cui il commercio – un tempo attività appena tollerata in quanto considerata fattore di instabilità – è stato ora promosso a fulcro del progetto nazionale, in quanto forza motrice di quel rapido sviluppo che è divenuto la principale fonte di legittimazione del potere, oltre che strumento di influenza a livello planetario. “E’ successo tutto nell’arco di una generazione o poco più”, spiega l’autore. “Ma è stato solo l’apice di un fenomeno molto più ampio, che negli ultimi 150 anni ha sottoposto il complesso sistema di valori della Cina a un attacco sistematico e ad una revisione forzata. In sostanza, non solo la Cina ha dovuto mettersi al passo con l’occidente in poco tempo, ma la sua cultura ne è uscita profondamente trasformata”. In passato vittima della globalizzazione, oggi la Cina ne è diventata la grande protagonista, anche se deve ancora calibrare un proprio modello di soft power veramente efficace. A ogni modo, è “la più grande rivoluzione mondiale dai tempi dell’Impero romano”.

 

LA CINA CAMBIA
Francesco Sisci
goWare, 68 pp., 9,99 euro
 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi