Il paradigma garantista

Luigi Ferrajoli
Editoriale Scientifica, 248 pp., 16,50 euro

1 Giugno 2015 alle 09:00

Il paradigma garantista

Allievo di Norberto Bobbio, Luigi Ferrajoli è tra i filosofi italiani del diritto più conosciuti all’estero, con i suoi libri tradotti in tre continenti e lauree honoris causa in otto paesi, oltre a esser stato tra i fondatori dell’associazione Magistratura democratica. Nella sua raccolta di scritti, teorizza un modello normativo fatto di proposte che potrebbero sembrare utopiche e irrealizzabili, ma che in realtà tutti quelli che aspirano a una profonda riforma della giustizia penale dovrebbero quantomeno tenere in considerazione.

 

In attesa che maturino i tempi di un’abolizione totale della pena detentiva, Ferrajoli teorizza da una parte l’abolizione dell’ergastolo, spiegando come questa misura si ponga contro i princìpi costituzionali dell’umanità della pena detentiva e della funzione rieducativa di questa; dall’altra una forte decarcerizzazione con la previsione della pena detentiva solo per i reati più gravi, e accompagnata da un abbassamento ai livelli europei delle pene edittali massime e dalla trasformazione in pene edittali delle misure alternative. Poi il giurista avanza due proposte semplici ma rivoluzionarie: la riserva di codice e la previsione del numero chiuso per gli istituti di detenzione.

 

La prima implica che ogni nuova norma sostanziale o processuale possa essere approvata solo attraverso una procedura speciale di modifica del codice penale o di procedura penale. Si tratterebbe di una garanzia politica e procedurale per arrestare la proliferazione di leggine che hanno dissestato il sistema penale italiano. La seconda invece implica che periodicamente i detenuti che debbono scontare residui di pena o pene di breve durata dovrebbero essere destinati a misure alternative quali la libertà vigilata o gli arresti domiciliari con il duplice beneficio di interrompere il trattamento inumano degli altri detenuti che restano in carcere e di determinare il condono automatico di detenzioni brevissime che non hanno alcun senso punitivo e nessuna funzione preventiva. Nelle riflessioni di Ferrajoli, però, non trovano spazio la separazione delle carriere e l’eliminazione di quella pericolosa finzione che è rappresentata dall’obbligo dell’azione penale. Ipotesi che, forse anche per la sua lontana esperienza e formazione da magistrato, Ferrajoli si rifiuta di prendere in considerazione. Ma, come diceva  il suo maestro Bobbio, la battaglia per il garantismo penale è sempre stata una battaglia di minoranza. Chi aspira a una riforma liberale della giustizia non può non partire anche da queste proposte.

 

IL PARADIGMA GARANTISTA
Luigi Ferrajoli
Editoriale Scientifica, 248 pp., 16,50 euro

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi