cerca

Narcisi su schermo

Raccontare i modi disinvolti e la scarsa etica professionale dei giovani documentaristi

5 Agosto 2015 alle 06:15

Narcisi su schermo

"Documentary Now!”, con il suo bel punto esclamativo, il titolo annuncia la serie più originale dell’estate televisiva americana. Finti reportage – in gergo “mockumentary” – che satireggiano i vizi e i vezzi dei celebri documentaristi, meglio noti come “stile”. Tipi che di solito hanno una missione da compiere, un’estetica da rispettare, mille fisime per quanto riguarda il rigore o la lealtà dovuti al soggetto. E un narcisismo che spesso supera il livello di guardia.

 

Vale come esempio Josh Schrebnick, che nel film “Giovani si diventa” di Noah Baumbach ha la faccia e i modi di Ben Stiller. Sta lavorando al suo documentario da così tanti anni che ormai il protagonista – un intellettuale di sinistra altrettanto abituato alle lungaggini incomprensibili, in forma parlata e scritta – ha i capelli bianchi. Quindi il montaggio con le sue immagini di quando era giovanotto, e già piuttosto ammorbante, risulta difficile. Nella stessa pellicola si denunciano i modi disinvolti e la scarsa etica professionale dei giovani documentaristi: che c’è di male a modificare qualche dettaglio, o a truccare qualche scena per tener desta l’attenzione dello spettatore? (Moltissimo, per i maestri della vecchia scuola che considerano gli incassi trascurabili).

 

“Documentary Now!” – in onda dal prossimo 20 agosto sulla tv via cavo americana IFC – nasce da una costola del “Saturday Night Live”. Produce Lorne Michaels, i geni del male sono Seth Meyers, Bill Hader, Fred Armisen. I titoli degli episodi sono più che promettenti, e in qualche caso così espliciti da rivelare subito il modello satireggiato. “Sandy Passage” – “Madre e figlia una tempo mondanissime, ora ritirate in una villa cadente” - fa il verso a “Grey Gardens”, un documentario del 1975 firmato da Albert e David Maysles. Appunto, su due bizzarre signore – all’anagrafe, erano la zia e la prima cugina di Jacqueline Kennedy – finite a vivere da barbone in una casa diroccata. Il documentario originale sta alla Library of Congress, e il lavoro dei fratelli Maysles – tra gli altri titoli, “Gimme Shelter”, sul concerto dei Rolling Stones ad Altamont, quando uno spettatore diciottenne fu accoltellato dagli Hell’s Angels – viene ripetutamente evocato nel film di Noah Baumbach.

 

“Kunuk Uncovered” è un finto documentario su un documentario – ugualmente finto – che si immagina essere il primo girato sugli eschimesi. Non è una pratica tanto rara, ripercorrere dopo decenni i passi di altri documentaristi: anche in questo la serie satirica colpisce il bersaglio. “Al Capone Festival in Iceland” finge di curiosare su un festival islandese dedicato al gangster: la caccia alle stranezze ha aiutato più di un documentarista a vincere qualche premio.

 

IFC è la stessa televisione via cavo che trasmette “Portlandia”. Fred Armisen – uno degli autori e degli attori che compariranno nei finti documentari della nuova serie – lo abbiamo conosciuto lì, in coppia con Carrie Brownstein. Variamente truccati e mascherati (ogni episodio ospita vari sketch), satireggiano i clienti dei ristoranti che vogliono sapere se il pollo nel piatto è cresciuto libero e giocondo, e magari se aveva un nome, prima di finire in pentola. Oppure hanno nel mirino le femministe che gestiscono una libreria, e quando il figlio di una delle due arriva in visita con il nipotino non vogliono saperne il sesso. Gli cambiano il pannolino a occhi chiusi – per non restare influenzate: “Sceglierà lui quando sarà grande”. Con una potenza di fuoco simile, nessun documentarista se la caverà con onore.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi