cerca

Risorti o ritornati

“Les Revenants” è la resurrezione della carne fatta serie tv, ma non pensate agli zombie-movie

4 Marzo 2015 alle 06:11

Risorti o ritornati

Mi sono sentito come Pete Best, batterista per due anni con i Beatles. Fu scaricato alla vigilia del primo contratto discografico e deve aver passato il resto della vita, immagino, a mangiarsi le mani”. Siamo abituati alle confessioni di Emmanuel Carrère, prodigo nei suoi libri di dettagli autobiografici (anche troppo: nell’estate del 2004 spedì alla fidanzata una lettera scollacciata, con copia ai 600.000 lettori del Monde, finì malissimo). Nell’ultimo – “Il regno”, da Adelphi – all’improvviso ricorda di essere stato cristiano, in una vita precedente durata dal 1990 al 1993. All’improvviso: fino alla pagina prima si era domandato con stupore “ma in cosa credono i credenti?”, aggiungendo: “Ogni frase del Credo è un insulto al buon senso”.

 

Il gemellaggio in spirito con Pete Best si deve all’arrabbiatura presa quando Emmanuel Carrère – assieme a Fabrice Gobert che aveva avuto l’idea e della serie sarà il regista – scriveva i primi episodi di “Les Revenants” (prodotta da Canal+, è andata in onda su Sky Atlantic). Stufo di “essere messo sotto esame da un manipolo di fighetti con la barba di tre giorni”, contro i consigli della moglie e del suo agente dopo quattro mesi lo scrittore abbandonò l’incarico. In tempo per non godersi gli applausi di quasi un milione e mezzo di francesi, e i premi internazionali, tra cui l’Emmy Award per la migliore serie tv del mondo o il British Academy (e sappiamo benissimo quanto diffidenti siano, in materia di fiction, gli anglosassoni verso i mangiarane).

 

Ispirata al film diretto nel 2004 da Robin Campillo, “Les Revenants” è la resurrezione della carne fatta serie tv. In un paesino di montagna che ricorda Twin Peaks (contribuisce la colonna sonora del gruppo scozzese Mogwai), i morti ritornano in vita. Non tutti, sennò sarebbe il solito zombie-movie. Neppure nelle condizioni in cui la letteratura e il cinema hanno finora immaginato il loro ritorno: sporchi di terra, lenti nell’andatura, un po’ rintronati (così l’irlandese Colm Toíbín, in “Il testamento di Maria”, racconta la resurrezione di Lazzaro, e così si ripresenta il gatto di casa in uno dei più spaventosi romanzi di Stephen King, “Pet Sematary”).

 

Annuncia i “ritornanti” una farfalla infilzata con uno spillone: sbatte le ali, e ha la forza di spaccare il vetro della bacheca. Sono vivi, hanno una gran fame, non immaginano di essere defunti, chi dieci chi quattro anni prima. Ogni episodio – la prima stagione ne conta otto – è costruita attorno a uno di loro: la ragazzina morta sul pullman della gita scolastica, lo sposo morto alla vigilia delle nozze.

 

Una struttura molto praticata dalle recenti serie tv. “The Affair” racconta un adulterio a voci alterne, mezz’ora per lui che vede lei come una strega seduttrice, mezz’ora per lei che vede lui come uno sciupafemmine: non ci fosse di mezzo un omicidio sarebbe ordinaria amministrazione. “The Slap” racconta i partecipanti a un barbecue dove un adulto ha schiaffeggiato un bambino insopportabile, ponendosi fuori dall’umano consesso. Ma solo i pazzi e i sedicenti artisti cercano di cambiare quel che funziona.
La resurrezione della carne dopo il Giudizio Universale pone qualche problema al Carrère seconda maniera, capace di dimenticare un matrimonio in chiesa e venti quaderni di commento ai Vangeli. I risorti prima del Giudizio Universale mettono alla prova lo sceneggiatore. La mamma che ha conservato intatta la cameretta toglie il ritratto e le candele, mentre la figlia tornata dall’aldilà sta facendosi una doccia. “Ho tanto pregato perché tornasse”, dice in un sussurro. Il padre, separato dopo l’incidente e richiamato in servizio (ci sarebbe un nuovo compagno ma per la ragazzina è uno sconosciuto), ribatte che no, lui per la resurrezione della figlia non ha mai pregato, non basta però per lavarsene le mani.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi