Champions e Champagne

Dopo questa inutile giornata di campionato (nel senso che chi doveva vincere ha vinto e chi doveva perdere ha perso), si guarda già al prossimo turno. E’ bastato il pari prevedibile della Juve contro il Bologna e la contestuale mazzuolata data alla Samp – che oggi vale meno della Virtus Entella – da

22 Febbraio 2016 alle 17:19

Champions e Champagne

Dopo questa inutile giornata di campionato (nel senso che chi doveva vincere ha vinto e chi doveva perdere ha perso), si guarda già al prossimo turno. E’ bastato il pari prevedibile della Juve contro il Bologna e la contestuale mazzuolata data alla Samp – che oggi vale meno della Virtus Entella – dall’Inter per far alzare il ciuffo ai manciniani, già convinti che a Torino si possa fare l’impresa e, addirittura, riaprire la corsa per lo scudetto. Credo che le possibilità siano pari a quelle che tale Champagne ha di conquistare la poltrona che fu di Blatter. Dipenderà tutto da come finirà col Bayern. Se sarà vittoria (e per me lo sarà, 2-1), i bianconeri disintegreranno l’Inter (3-0). Se finirà male, Mancini potrebbe riuscire a pareggiare (0-0). Visto che di Champions si parla, prevedo la risurrezione del City contro la Dinamo (0-2 a Kiev), un pari dell’Atletico Madrid contro il PSV in Olanda (1-1), lo sterminio dell’Arsenal da parte del Barcellona (0-3 all’Emirates). L’ho sparata grossa? Probabile, ma vedremo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi