Nomen omen

A Roma arrivano le spazzatrici “nominali” o “personalizzate”. Ma a chi è venuto in mente?

3 Aprile 2015 alle 06:15

Dopo aver vissuto gli anni della giovinezza a Firenze ed essere stato poi a lungo in giro per il mondo, come inviato di quotidiani e di televisioni, l’amico calabrese si considera ormai romano da almeno sei lustri. Un periodo di tempo ragguardevole, durante il quale avrebbe dovuto abituarsi ai modi della città e dei suoi abitanti. Eppure, non la smette di meravigliarsi. A sorprenderlo ogni volta è soprattutto il tipo particolare di umorismo locale. Un esempio, colto al volo dal finestrino aperto della macchina qualche giorno fa: il tassista apostrofa un venditore ambulante di fazzoletti, immancabilmente appostato al semaforo su viale Trastevere: “Io al posto tuo starei attento, vedrai che prima o poi te faranno paga’ l’Imu!”. Ma come gli vengono? si chiede, sinceramente ammirato, l’amico calabrese e ancora così poco romano da stupirsi delle battute dei romani. Il vicentino Guido Piovene, nel suo “Viaggio in Italia”, a suo modo una spiegazione l’aveva data: il popolo romano è il meno moralista che ci sia, ha scritto, non c’è nulla che possa prendere davvero sul serio e in lui ogni forma di ossequio, verso qualsiasi cosa o persona, è solo una verniciata superficiale. Nasce così, l’attitudine a combinare cose apparentemente lontanissime – l’ambulante fisso all’angolo e l’idea che prima o poi il Comune considererà quel pezzo di marciapiede tassabile secondo le regole che valgono per gli immobili. Inoltre, sentendo definire continuamente “eterna” la sua città, vale a dire la sua dimensione domestica, il romano si sente autorizzato a disconoscere qualsiasi altro tipo di grandezza e, quindi, di norma.

 

La magniloquenza con lui non funziona – provoca, anzi, l’incontenibile sberleffo – perché nulla gli appare meno serio di chi osi prendersi troppo sul serio. Ecco perché c’è da trasecolare, di fronte a certe iniziative dell’attuale Amministrazione capitolina, pensate (dicono) per mettere in comunicazione la cittadinanza con gli incaricati dei servizi alla cittadinanza medesima. A chi sarà venuto in mente di “personalizzare” le macchine spazzatrici dell’Ama con i nomi di chi le usa? Certamente a qualcuno che non ha nessuna idea dei romani. L’intenzione e l’occasione erano, dobbiamo riconoscerlo, apprezzabili: si è scoperto che giacevano nei depositi dell’Ama, l’azienda incaricata della pulizia della città, centocinquanta spazzatrici inutilizzate (alla buon’ora: le aveva comprate l’ex sindaco Alemanno e il successore Ignazio Marino se ne è accorto dopo appena due anni). Messe finalmente in funzione, cento delle spazzatrici redivive inalberano oggi, a coprire mezza fiancata, un bell’adesivone rosso e bianco, con i nomi di battesimo e l’iniziale del cognome dei due responsabili del funzionamento. Sotto i nomi, una scritta invita la cittadinanza a segnalare problemi e a dare suggerimenti. Ora, l’idea che gente incaricata e pagata per pulire le strade della città (stiamo parlando di questo e non di altro, anche se a Roma l’apparizione di una spazzatrice ha rivestito spesso, negli ultimi anni, le caratteristiche di un miracolo) abbia bisogno di segnalazioni e suggerimenti in materia è un’idea fatta apposta per scatenare il romano cinico e salace che è in noi. Ma come gli viene? chiediamo anche noi come l’amico calabrese. Pare di vederli – assessori, dirigenti dell’azienda, creativi, pubblicitari, copywriter e sì, perfino il sindaco – partorire, ispirati e contenti di sé, l’ennesima trovatina d’immagine tutto-fumo-niente-arrosto. “Ho chiesto di individuare un modo per personalizzare questi veicoli – aveva in effetti annunciato Marino qualche tempo fa – in modo che i cittadini sappiano chi devono ringraziare o con chi si devono lamentare se la loro strada non è pulita”. Ma ce li vedete i romani incarogniti e infami andare a denunciare “Giampiero I.” o “Sergio F.” all’inquisizione dell’Ama? E davvero il problema è che gli “operatori” dell’Ama (si chiamano così) devono essre disponibili a raccogliere suggerimenti invece che raccogliere la spazzatura (unico e fondamentale suggerimento che ci sentiamo di dare)? Dato che la realtà supera sempre la fantasia, per festeggiare l’esordio delle spazzatrici personalizzate (dette anche “spazzatrici nominali”: ma binominali, non uninominali come i collegi elettorali) è successo che una di queste, forse per un freno a mano non correttamente inserito, sia precipitata a marcia indietro, lo scorso 24 marzo, in una buca aperta per la riparazione di una condotta, nel quartiere Balduina, alle sei della mattina.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi