L'insostenibilità della Nutella. Gli ambientalisti attaccano Ferrero

La rassegna della stampa internazionale sui principali fatti che riguardano da vicino il nostro paese. Oggi articoli di Economist, Vanguardia, Expansion, Telegraph e Zeit

La protesta contro piantagioni di nocciole per Ferrero
Londra, 29 nov - (Agenzia Nova) - Il settimanale britannico "The Economist" riferisce della protesta degli ambientalisti contro le piantagioni di nocciole che si stanno estendendo nel Lazio e in Umbria per soddisfare la crescente domanda da parte di Ferrero per la produzione della Nutella. Gli ecologisti denunciano l'utilizzo di pesticidi e fertilizzanti che rischiano di avvelenare le acque del Lago di Bolsena così come, secondo le loro accuse, sarebbe già avvenuto per il vicino Lago di Vico. Ferrero risponde che è tutto falso. Inoltre, per l'azienda, le coltivazioni di olivi, uva e mele già esistenti consumano più acqua e necessitano di un maggior utilizzo di prodotti chimici rispetto ai campi di nocciole che dovrebbero sostituirle.

Continua a leggere l'articolo dell'Economist 

 

Roberto Cavalli acquistato da società emiratina
Madrid, 29 nov - (Agenzia Nova) - Il marchio di moda Roberto Cavalli è stato acquisito da parte di Hussain Sajwani, presidente della Damac Properties, con sede a Dubai, negli Emirati Arabi Uniti. La società di investimento emiratina ha presentato la migliore offerta per la casa di moda fiorentina. L'operazione è stata effettuata attraverso la società Vision Investments, strumento di investimento privato controllato da Sajwani. Roberto Cavalli era posseduto al 90 per cento dal fondo di private equity Clessidra dal 2015 e in tempi recenti ha avuto gravi problemi economici, al punto da sospendere le sue attività negli Stati Uniti. L'acquisizione fa anche seguito a una partnership firmata nel 2017 tra la maison e il gruppo Dico di cui fa parte Vision Investments per lo sviluppo degli interni di hotel di lusso tramite il brand “Aykon Hotels with interior design by Roberto Cavalli”.

Continua a leggere l'articolo di Vanguardia 

 

Mediaset e Vivendi vicino ad accordo
Madrid, 29 nov - (Agenzia Nova) - Mediaset e Vivendi sono vicini al raggiungimento di un accordo per risolvere il loro scontro legale. Secondo indiscrezioni stampa, il gruppo francese sarebbe disposto a vendere una quota del 20 per cento della società italiana, a meno di 24 ore prima della scadenza imposta dal tribunale per raggiungere un patto che darebbe a Mediaset il libero accesso per creare MediaForEurope (Mfe) , un colosso europeo del settore audiovisivo che si integrerebbe alle sue divisioni di Italia e Spagna. Se verrà raggiunto un accordo il gruppo di Vincent Bollorè rinuncerà alle cause contro Mediaset avviate a Milano, Madrid e Barcellona. Mediaset, da parte sua, ritirerà le richieste di risarcimento danni ai francesi legata all’acquisto Premium e nei confronti di Dailymotion, di proprietà Vivendi.

Continua a leggere l'articolo di Expansion 

 

Sul "Times" una storia forografica della crisi del debito italiano
Londra, 29 nov - (Agenzia Nova) - Il quotidiano britannico "The Telegraph" pubblica una galleria fotografica che illustra la storia della crisi del debito pubblico in Italia attraverso le immagini dei protagonisti della politica dell'ultimo decennio, da Silvio Berlusconi al presidente del Consiglio Giuseppe Conte.

Continua a leggere l'articolo del Telegraph 

 

Sgominata organizzazione neonazista
Berlino, 29 nov - (Agenzia Nova) - La Polizia ha sgominato un'organizzazione neonazista. Come riferito dal settimanale “Die Zeit”, perquisizioni condotte nella giornata di ieri, 28 novembre, in tutta Italia hanno portato al sequestro di pistole, fucili automatici, balestre e coltelli. Formato da 19 persone, il gruppo dichiaratamente neonazista, xenofobo e antisemita aveva contatti con altre organizzazioni di estrema destra in diversi paesi europei.

Continua a leggere l'articolo di Zeit

Di più su questi argomenti: