cerca

Visto dalla Francia lo stop italiano alla Tav è “surreale”

La rassegna della stampa internazionale sui principali fatti che riguardano da vicino il nostro paese

27 Febbraio 2019 alle 09:40

Visto dalla Francia lo stop italiano alla Tav è “surreale”

Foto LaPresse

Italia: “Bloomberg”, il Movimento 5 stelle sta collassando

New York, 27 feb - (Agenzia Nova) - “Bloomberg” riferisce della sconfitta subita dal Movimento 5 stelle alle ultime consultazioni regionali in Italia: una “umiliazione”, che secondo l'agenzia Usa potrebbe preludere a una crisi fulminea quanto l'ascesa del Movimento nel panorama della politica italiana.

Continua a leggere l'articolo di Bloomberg Business Week

 


 

Italia: lo stallo “surreale” del progetto della Tav

Parigi, 27 feb - (Agenzia Nova) - Lo stallo che si è creato sul dossier riguardante la realizzazione del treno ad alta velocità tra Torino e Lione è “surreale” e “non potrà durare in eterno”. È quanto afferma il quotidiano “Le Monde”, ricordando che in Francia “i lavori avanzano sempre”. Lega e Movimento 5 Stelle hanno assunto un atteggiamento volutamente ambiguo in questo momento, come se avessero firmato una tregua. Il blocco dei lavori provoca però la rabbia del settore degli imprenditori e rovina l’immagine dell’Italia all’estero. Il giornale spiega che per il Movimento 5 Stelle “il rifiuto del cantiere è viscerale, identitario”, fa parte del “credo originale” dei pentastellati.

Continua a leggere l'articolo del Monde

 


 

Imprese: Fiat Chrysler investirà 4,5 miliardi di dollari in Michigan creando 6.500 nuovi posti di lavoro

New York, 27 feb - (Agenzia Nova) - Fiat Chrysler prevede di spendere 4,5 miliardi di dollari per espandere la produzione in Michigan, tramite un nuovo impianto di assemblaggio Jeep a Detroit. Il piano di ristrutturazione delle attività produttive avviata sotto la guida dell'ex ad Sergio Marchionne, morto a luglio, è proseguito sotto la guida del nuovo amministratore delegato Mike Manley. Secondo la compagnia automobilista italo-statunitense verranno creati 6.500 nuovi posti di lavoro nel Michigan, anche se il produttore di automobili ha anche annunciato il licenziamento di alcuni lavoratori in uno stabilimento dell'Illinois. Fiat Chrysler, il terzo produttore statunitense di auto per volume delle vendite, sta investendo miliardi per riorganizzare le fabbriche esistenti in Michigan, per assemblare più Suv e pick-up con l'obiettivo di aumentare i profitti con vendite di modelli più redditizi negli Stati Uniti. Il piano riflette anche l'intento di spostare la domanda dei consumatori lontano dalle auto piccole e dalle berline.

Continua a leggere gli articoli di Wall Street JournalNew York Times

 


  

Italia: Venezia approva una nuova tassa di ingresso per contrastare il turismo di massa

Madrid, 27 feb - (Agenzia Nova) - Il consiglio comunale di Venezia ha approvato ieri, 26 febbraio, l'introduzione di una nuova misura per contrastare il turismo di massa: il pagamento di un ticket per i visitatori che accedono al centro storico. Lo riferisce il quotidiano spagnolo "La Vanguardia", spiegando che, con tale provvedimento, l'amministrazione spera di limitare l'elevato numero di persone che ogni giorno invade i stretti vicoli e i canali della città lagunare. La misura è passata con 22 sì su 33, grazie alla maggioranza di centrodestra, e include anche una direttiva che ne rende immediata l'applicazione. 

Continua a leggere l'articolo della Vanguardia

 


 

Italia: governo potrebbe non confermare i direttori stranieri dei musei

New York, 27 feb - (Agenzia Nova) - L'Italia non ha permesso a cittadini stranieri di gestire i suoi musei fino alla radicale riforma del 2014, che ha liberalizzato le candidature alla guida di 20 istituzioni culturali di alto profilo del paese. Il governo Lega-Cinque stelle potrebbe però non rinnovare i contratti ai direttori stranieri a capo di alcuni tra i più famosi musei italiani. A settembre, infatti – scrive il quotidiano statunitense “Wall Street Journal” - il ministro alla Cultura, Alberto Bonisoli, aveva dichiarato alla stampa nazionale che i direttori non italiani avrebbero avuto senso nel 2015, ma che ora non sono più necessari. Il precedente governo italiano aveva approvato la riforma nel tentativo di rendere i musei più redditizi e attraenti per un pubblico più ampio.

Continua a leggere l'articolo del Wall Street Journal

 


 

Italia: cosa ha causato il crollo del ponte di Genova e la fine di un mito nazionale

Londra, 27 feb - (Agenzia Nova) - Il quotidiano britannico "The Guardian" sta pubblicando una serie di articoli sull'impatto che ha avuto l'utilizzo del cemento nel mondo moderno e nella sua edizione in edicola oggi mercoledì 27 febbraio ospita un intervento in cui l'urbanista e giornalista italiano Guglielmo Mattioli cerca di analizzare le cause del crollo del Ponte Morandi, che il 14 agosto scorso a Genova provocò la morte di 43 persone e l'evacuazione di circa 600 abitanti della zona. Aldilà delle cause, l'autore ripercorre il ruolo che le tecniche costruttive innovative dell'architetto Riccardo Morandi ebbero nel boom economico dell'Italia fra gli anni '50 e '60 del secolo scorso e ne indica i limiti tecnici che, a suo parere, riflettono i limiti della struttura economica e politica italiana.

Continua a leggere l'articolo del Guardian

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi