cerca

Il partito di Orbán scarica l'alleanza euroscettica guidata da Salvini

La rassegna della stampa internazionale sui principali fatti che riguardano da vicino il nostro paese. Oggi articoli di Monde, Figaro, Financial Times, New York Times, Bloomberg Business Week

31 Gennaio 2019 alle 08:59

Il partito di Orbán scarica l'alleanza euroscettica guidata da Salvini

Milano, Matteo Salvini incontra Viktor Orbán (foto LaPresse)

Immigrazione: la vittoria dell'Italia nel caso Sea Watch 3
Parigi, 31 gen 08:33 - (Agenzia Nova)  - L’Italia “grida vittoria” dopo l’accordo trovato con altri paesi europei per il ricollocamento dei 47 migranti a bordo della nave umanitaria Sea Watch 3. È quanto afferma il quotidiano francese “Le Monde”, spiegando che la notizia dell’accordo è stata data dal presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, nella giornata di ieri 30 gennaio alla riunione Med7 a Cipro. All’annuncio è poi seguito un incontro tra Conte e i vicepresidenti del Consiglio, Luigi Di Maio e Matteo Salvini. “Missione compiuta” ha detto Salvini, sottolineando che l’Italia accoglierà “uno o due migranti” in tutto. Secondo “Le Monde”, l’intesa sulla Sea Watch 3 dovrebbe far scendere le tensioni nel governo dovute al fatto che il ministro dell’Interno Salvini rischia di essere processato per il caso Diciotti, la nave rimasta bloccata per una decina di giorni questa estate nel porto di Catania con a bordo 177 migranti. “Le Monde” sottolinea il “paradosso” europeo emerso con la Sea Watch 3: “mentre l'Italia pretende di sposare la linea dei paesi dell’est e dell’Austria sull'immigrazione, nessuno dei suoi presunti alleati ha proposto di partecipare al ricollocamento dei richiedenti asilo”.
Immigrazione: Salvini vuole chiudere i mari italiani alle navi delle ong
Parigi, 31 gen 08:33 - (Agenzia Nova)  - Il vicepresidente del Consiglio e ministro dell’Interno, Matteo Salvini, vuole chiudere l’accesso nelle acque italiane per le navi di organizzazioni non governative che trasportano migranti soccorsi nel Mediterraneo. Lo riferisce il quotidiano francese “Le Figaro”. Salvini ha assicurato che non si tratta di creare un “blocco navale”, ma di applicare “le leggi in vigore”. Secondo fonti del ministero dell’Interno, il titolare del Viminale vuole mettere a punto una “procedura standard" nel caso di nuovi arrivi di navi di ong in acque italiane. Le stesse fonti hanno affermato che funzionari del Viminale e del ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti “sono al lavoro per bloccare certe navi non inoffensive che fanno rotta verso l’Italia e che, favorendo l’immigrazione clandestina, potrebbero rappresentare un rischio per la sicurezza nazionale”.
 


    
Ungheria-Italia: Fidesz non aderirà ad alleanza euroscettica guidata da Roma
New York, 31 gen 08:33 - (Agenzia Nova)  - Il partito Fidesz del primo ministro ungherese Viktor Orbán non aderirà ad un'alleanza euroscettica guidata dall'Italia nella corsa alle elezioni del Parlamento europeo, nonostante la linea dura comune sull'immigrazione. E' quanto scrive il quotidiano statunitense “New York Times”, citando un funzionario del governo ungherese. All'inizio di questo mese, il vicepremier italiano, Matteo Salvini, ha proposto che l'Italia e la Polonia uniscano le forze per rimodellare l'Europa, cercando di dar vita a un'alleanza euroscettica in vista delle elezioni del Parlamento europeo di maggio. Orbán ha appoggiato l'iniziativa, ma il segretario di Stato, Szabolcs Takacs, ha detto all'agenzia “Reuters” che Fidesz lavorerà per rafforzare la posizione dei candidati ungheresi all'interno del Partito popolare europeo (Ppe).
 
  
Italia: fiducia settore manifatturiero in calo per il quarto mese consecutivo
New York, 31 gen 08:33 - (Agenzia Nova) - La fiducia del settore manifatturiero italiano ha segnato il quarto calo mensile consecutivo a gennaio, in un contesto di crescente pessimismo in merito all'andamento dell'economia nel corso del 2019. L'indice della fiducia delle aziende manifatturiere è calato a 102,1, il dato peggiore da settembre 2016, e inferiore ai 103,1 punti del mese precedente, stando ai dati pubblicati dall'Istat nella giornata di ieri. Il dato è inferiore alle attese degli economisti, che si aspettavano un indice di 103,0. L'indice della fiducia dei consumatori, invece, ha segnato un aumento inatteso.
   
     
Italia: economia barcollante mette alla prova progetti governo
Londra, 31 gen 08:33 - (Agenzia Nova)  - I dati ufficiali che saranno resi noti oggi dall'Istat certamente confermeranno le aspettative negative espresse sull'economia dell'Italia, che potrebbe aver subito una contrazione per il secondo trimestre consecutivo. Lo sostiene il quotidiano britannico "Financial Times", che prevede la ricaduta in recessione dell'Italia, "l'anello debole dell'Ue" che da circa 20 anni soffre per la mancanza di una crescita significativa. Lo tesso presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha avvertito ieri, 30 gennaio, di "aspettarsi un'ulteriore contrazione". Certamente, scrive il "Financial Times", l'andamento negativo dell'economia italiana riflette il più generale rallentamento dell'Europa. Tuttavia, la notizia che il paese è in "recessione tecnica" non poteva arrivare in un momento peggiore per la coalizione di governo. Le politiche espansive di Lega e Movimento 5 Stelle (M5S) si basano su previsioni di crescita sostenuta che la totalità degli osservatori e degli esperti ora considera quantomeno ottimistiche. Ora, con la recessione tecnica che pare imminente, i critici del governo possono facilmente attaccare la maggioranza e la sua politica economica.
  
  
Italia: tassa di ingresso a Venezia per turisti giornalieri entrerà in vigore a da maggio
Vienna, 31 gen 08:33 - (Agenzia Nova)  - La tassa per i turisti che intendono visitare Venezia in una giornata entrerà in vigore da maggio prossimo. Il valore dell'imposta, ha reso noto il Consiglio comunale di Venezia nella giornata di ieri, 30 gennaio, sarà compreso “tra i tre e i dieci euro a seconda della stagione”. Per il quotidiano austriaco “Der Standard”, la decisione formale sull'adozione della tassa per i turisti giornalieri sarà adottata dal Consiglio comunale di Venezia il 5 febbraio prossimo. Dal pagamento dell'imposta saranno esentati i turisti che pernottano nella città lagunare, gli studenti dell'Università Cà Foscari e i pendolari. L'obiettivo della misura è “regolare meglio il flusso dei visitatori” a Venezia. “Non intendiamo punire i turisti giornalieri, ma chiediamo a tutti un contributo per la manutenzione e la pulizia della città”, ha detto il sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi