cerca

Crescono i divorzi in Italia. Colpa dei social network

La rassegna della stampa internazionale sui principali fatti che riguardano da vicino il nostro paese. Oggi articoli della Vanguardia, Les Echos, El Mundo, Abc, Al Manar

13 Settembre 2018 alle 10:39

I social network fanno divorziare

Foto LaPresse

Immigrazione: il numero degli sbarchi in Italia cala ai livelli del 2014

 
Madrid, 13 set - (Agenzia Nova) - Il numero degli immigrati sbarcati in Italia dopo aver attraverso il Mediterraneo è tornato ai livelli del 2014, prima dello scoppio della crisi dei rifugiati nel 2015. Lo rende noto il quotidiano spagnolo “Abc”, che riporta uno studio dell’Organizzazione internazionale delle migrazioni (Oim) secondo cui, da gennaio scorso al 9 settembre, l'Italia avrebbe accolto 20.319 migranti rispetto ai 100.308 del 2017. Nello stesso periodo , la Spagna invece ha decisamente superato questa estate sia l'Italia sia la Grecia, avendo accolto il 43 per cento degli immigrati giunti via mare, pari a 32.022 persone su un totale di 73.696.

Continua a leggere l'articolo di Abc

 


 

Ue: Di Maio definisce una “vergogna” la riforma del copyright

 
Madrid, 13 set - (Agenzia Nova) - Il vicepresidente del Consiglio e ministro dello Sviluppo economico, Luigi Di Maio, ha definito una "vergogna" la riforma del copyright adottata dal Parlamento europeo (Pe). Secondo il capo politico del Movimento 5 Stelle, il Pe avrebbe introdotto "la censura nei contenuti degli utenti di Internet” dando ufficialmente il via “alla fase del Grande Fratello di Orwell”. Lo scrive oggi il quotidiano spagnolo “La Vanguardia”, aggiungendo che per Di Maio “con il pretesto della riforma del copyright, è stata legalizzata la censura preventiva". In un lungo messaggio su Facebook, il ministro dello Sviluppo economico denuncia inoltre che gli eurodeputati hanno votato a favore del provvedimento a causa del pressing delle "lobby". A suo avviso, la parte peggiore dell’iniziativa è "il filtraggio dei contenuti, un meccanismo di prevenzione inaccettabile". "La rete deve essere libera e indipendente, è un'infrastruttura fondamentale per l'Italia e per l'Unione europea", ha affermato Di Maio. Il capo politico del Movimento 5 Stelle ha concluso: "Sarà un piacere vedere, dopo le prossime elezioni europee, una comunità completamente nuova che governa le classi che non si sognano neanche di passare questa spazzatura".

Continua a leggere l'articolo della Vanguardia

 


 

Giordania-Italia: accordo di cooperazione militare per la lotta al terrorismo

 
Libano, 13 set - (Agenzia Nova) - Le Forze armate di Giordania e Italia hanno firmato ieri, 12 settembre, un accordo di cooperazione per la lotta al terrorismo. Secondo l'intesa, le parti lavoreranno per rafforzare la cooperazione comune, unificare gli sforzi per contrastare il terrorismo e condividere competenze militari. L'accordo è stato firmato dal direttore della formazione militare giordana, il generale Mohammad Thalji, e dal generale Alberto Biavati.

Continua a leggere l'articolo del Manar

 


 

Italia: i social network dietro l’esplosione dei divorzi in Italia

 
Parigi, 13 set - (Agenzia Nova) - I social network sono tra le principali cause di divorzio in Italia. È quando afferma “Les Echos”, sottolineando che piattaforme come Facebook, Instagram, Tinder e Whatsapp favoriscono i flirt mettendo in crisi le coppie. Nella Penisola il numero di divorzi è aumentato del 345 per cento negli ultimi trenta anni. Solamente a Milano il 45 per cento dei matrimoni si è rotto a causa dei tradimenti scoperti sui social network. Nel 1991 l‘Istat ne ha contati 375mila, mentre nel 2012 il dato è salito a 1,6 milioni. Una recente sentenza della Corte di Cassazione ha riconosciuto delle attenuanti nei casi in cui a relazione era già compromessa.

Continua a leggere l'articolo di Les Echos 

  


 

Onu: Alto commissario per i rifugiati Grandi in visita in Italia per discutere di Siria, Iraq e immigrazione


Madrid, 13 set - (Agenzia Nova) - L'Alto commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati, Filippo Grandi, è in visita in Italia fino a venerdì per partecipare a un forum sui conflitti in Siria e in Iraq e per affrontare con il governo la questione del fenomeno migratorio. Grandi prenderà parte oggi alla Conferenza sulla crisi in Siria e in Iraq che si terrà presso la Pontificia Università Urbaniana, insieme al segretario di Stato vaticano, il cardinale Pietro Parolin, e al nunzio apostolico in Siria, il cardinale Mario Zenari. Il rappresentante delle Nazioni Unite prevede anche di incontrare il presidente italiano Sergio Mattarella, il presidente del Consiglio Giuseppe Conte e altri membri del governo italiano. La visita di Grandi include anche colloqui con i rappresentanti dell'associazione Tavolo Asilo, che difende i diritti di immigrati e rifugiati, e con diversi richiedenti asilo in Italia.

Continua a leggere l'articolo della Vanguardia

 


 

Ue-Italia: Juncker, “scioccato da retorica di Salvini che spara contro Bruxelles”

 
Madrid, 13 set - (Agenzia Nova) - “Non ho problemi con il governo italiano, con il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, ma a volte resto scioccato dalla retorica della coalizione e di almeno uno dei vicepresidente dl Consiglio che spara contro Bruxelles. Non è utile, non è saggio”. Lo ha detto in un’intervista al quotidiano spagnolo “El Mundo” il presidente della Commissione europea, Jean-Claude Juncker, lanciando una stoccata neanche troppo velata al ministro dell’Interno e leader della Lega, Matteo Salvini. “Ho sentito che nella sua campagna elettorale Salvini ha detto che ogni volta che apro la bocca lo aiuto a conquistare voti. Non voglio essere utile a lui, ma all'Italia", ha dichiarato il presidente della Commissione europea, che si definisce un "patriota illuminato". Per Juncker, “gli euroscettici, che sono molti, non devono essere confusi con gli estremisti, con l'estrema destra populista. Con gli euroscettici dobbiamo parlare, illustrare i problemi, spiegare meglio quello che facciamo”. A tal riguardo, Junker si è detto “contrario a coloro che si oppongono all'Europa per principio, non contro coloro che hanno dubbi e domande ragionevoli e giustificate”.

Continua a leggere l'articolo del Mundo

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi