cerca

Mustier (UniCredit): l’Italia ha superato il rischio sistemico

La rassegna della stampa internazionale sui principali fatti che riguardano da vicino il nostro paese. Oggi articoli di Times, Handelsblatt, Echos, Telegraph

21 Dicembre 2017 alle 09:07

Jean Pierre Mustier 

Jean Pierre Mustier  (foto LaPresse)

La morte dell'albero di Natale di Roma soprannominato "Spelacchio" provoca polemiche sullo spreco di denaro pubblico

 

Londra, 21 dic - (Agenzia Nova) - Il quotidiano britannico "The Telegraph" torna sulle polemiche provocate a Roma dalla morte dell'albero di Natale, soprannominato "Spelacchio" per il suo aspetto dimesso e che invece avrebbe dovuto rappresentare l'orgoglio della capitale italiana durante la stagione festiva: una vicenda che ha attirato sulla sindaca Virginia Raggi e sul Movimento 5 stelle le accuse di incapacità amministrativa e di spreco di denaro pubblico. Sul sito web del giornale l'articolo è corredato da un video con interviste a cittadini romani e all'esponente dell'opposizione di destra Maurizio Gasparri.

Continua a leggere l'articolo del Telegraph

 


 

Italia-Austria: tensioni dopo l’annuncio del governo austriaco sul rilascio di passaporti ai sudtirolesi

 

Parigi, 21 dic - (Agenzia Nova) - Tensioni tra Roma e Vienna dopo che il nuovo governo austriaco ha evocato la possibilità di rilasciare il passaporto ai 330 mila abitanti del Sud Tirolo. “Les Echos” riferisce che la proposta ha suscitato “indignazione” nella classe politica italiana, e definisce l’idea “inutile” vista l’esistenza dello spazio Schengen. Per questo, nella Penisola "si ironizza sul desiderio degli austriaci di acquisire nuovi campioni di sci”. Quello del governo austriaco, composto dai conservatori dell’Ovp e dai populisti del Fpo, è l’ennesimo segnale inviato alla frangia più estrema del suo elettorato, dopo le tensioni di questi ultimi tempi con l’Italia sulla questione dell’immigrazione. 

Continua a leggere l'articolo di Les Echos

 


 

Italia: approvata la nuova legge sul digitale

 

Parigi, 21 dic - (Agenzia Nova) - L’Italia adotta una nuova tassa che verrà applicata ai “prodotti digitali immateriali”, come la pubblicità o i link commerciali sulle pagine Internet. Ne parla “Les Echos”, specificando che questa nuova imposta non riguarderà il commercio elettronico. La misura entrerà in vigore a partire dal 1 gennaio 2019 e, secondo le previsioni, dovrà portare nelle casse dello Stato più di 190 milioni di euro all’anno. Il quotidiano sottolinea che Roma si sta impegnando nel rispettare le direttive comuni europee, ma si “spazientisce per le reticenze dimostrate da Malta e il Lussemburgo che frenano ogni progresso in questo settore”. Nella lista dei giganti del web che si sono piegati dinnanzi al fisco italiano, Amazon è l’ultimo in ordine di tempo. Il colosso americano ha firmato lo scorso 15 dicembre un accordo che prevede un versamento d 100 milioni di euro.

Continua a leggere l'articolo di Les Echos

 


 

Jean Pierre Mustier (UniCredit): l’Italia ha superato il rischio sistemico

 

Berlino, 21 dic - (Agenzia Nova) - Jean Pierre Mustier, ad della banca italiana UniCredit, in un’intervista concessa al quotidiano “Handelsblatt” parla del più grande istituto italiano dopo l’aumento di capitale. UniCredit licenzierà 14 mila dei suoi 100 mila dipendenti e il 59 per cento di tali esuberi avverrà entro la fine dell’anno. Secondo l'ad di UnCredit, nel prossimo futuro la digitalizzazione non eliminerà la metà dei posti di lavoro, come sostiene invece il capo della Deutsche Bank John Cryan. UniCredit, le cui attività sono concentrate per il 46 per cento Italia, è un gruppo paneuropeo attivo in 14 mercati, tutti, eccezion fatta per la Turchia e la Russia, nell’Unione europea. In futuro le alleanze saranno importantissime. La strategia “Transform 2019” affronta anche questa questione, oltre ai servizi al cliente, le offerte multi-canale, l’ottimizzazione dei processi, l’efficienza dei costi e la gestione del rischio. A gennaio Michael Diederich sarà il nuovo amministratore delegato della tedesca Hvb, parte del gruppo UniCredit. La Banca italiana a partire dal prossimo anno ridurrà ulteriormente il portafoglio di crediti in sofferenza e, grazie all’aumento dei tassi d’interesse nell’area euro, conta di arrivare ad un rendimento di capitale del nove per cento. Secondo Mustier, le critiche mosse dall'Italia ai piani della Bce per un ulteriore aumento degli accantonamenti di capitale non riguardano tanto il merito della questione, quanto per il modo. I 20 miliardi di euro messi dal governo italiano per il salvataggio delle banche in difficoltà rappresenta solo l’1 per cento del Pil, molto meno di quanto utilizzato in altri Paesi europei, come Germania, Gran Bretagna, Spagna o Portogallo, dove si è arrivati anche al 10 per cento. Oggi il settore bancario italiano è più robusto perché non vi è alcun rischio sistemico, afferma l'ad di UniCredit. L’economia italiana è in ripresa e tutte le riforme che Emmanuel Macron sta facendo ora in Francia sono state già implementate in Italia, incluse quelle delle pensioni e del mercato del lavoro.

Continua a leggere l'articolo di Handelsblatt

 


 

Tuffo virtuale nelle antiche terme di Roma

 

Londra, 21 dic - (Agenzia Nova) - Molti secoli dopo i saccheggi sofferti, le più spettacolari terme dell'antica Roma che un tempo arrivavano a ospitare fino ad 8 mila persone al giorno sono tornate in vita grazie alla realtà virtuale: le alte rovine delle terme di Caracalla oggigiorno possono solo dare un'idea della sontuosità del luogo che nel III° secolo Dopo Cristo offriva una piscina olimpica, vasche di acqua calda, saune, 40 ristoranti e due librerie, una greca e una latina; adesso i visitatori possono indossare occhiali per realtà virtuale e godere della vista a 360 gradi delle sue stanze come erano una volta, grazie alle trentennali ricerche degli archeologi. 

Continua a leggere l'articolo del Times

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi