Come rimettersi in forma dopo Pasqua e Pasquetta

Se tra pranzi e grigliate avete proprio esagerato questi consigli vi saranno utili

3 Aprile 2018 alle 14:09

Come rimettersi in forma dopo Pasqua e Pasquetta

"...che cosa abbiamo fatto?" (Kenzulu by Flickr)

Dopo gli eccessi alimentari delle feste - vedi Pasqua e Pasquetta che sono solo due giorni, nei quali però mangi per 20 - non consiglio di fare diete drastiche e “compensative”. La cosa migliore, a mio avviso, è rimettersi a mangiare per bene e riprendere l’attività fisica… ma, poiché molti sono oppressi dai sensi di colpa (e dalle costine di maiale che continui a sentirti in bocca), ho deciso di dare qualche consiglio un po’ strong per gestire al meglio il dopofeste.

 

NO DOLCI

 

Evitate qualsiasi dolce per almeno una settimana. Cioccolato, torte, biscotti sono da bandire per 7-10 giorni (giusto il tempo di digerire tutti quelli ingurgitati a Pasqua). 

 

NON DOLCIFICATE NULLA

 

Non dovete utilizzare zucchero, fruttosio e miele in nessuna bevanda. Questo vi permetterà di assumere meno calorie e soprattutto di ridurre i livelli giornalieri di insulina (ormone che permette al corpo di accumulare energie). Lasciate perdere anche ogni forma di dolcificante, magari sono naturali e senza calorie ma possono comunque aumentare i livelli di insulina.

 

BEVETE SOLO ACQUA

 

Sarebbe opportuno consumare solo ed esclusivamente acqua (anche frizzante). Qualsiasi succo, bibita o alcolico è calorico ed è inutile assumere calorie bevendo, bevete per dissetarvi. Evitate bevande “light” o “zero”, per le quali vale lo stesso discorso fatto per i dolcificanti.

 

VERDURA

 

Ve la siete scordata per due giorni e quando qualcuno ha proposto di aggiungere le melanzane sulla griglia gliele avete fatte mangiare crude. La verdura deve essere al centro dei vostri pranzi e delle vostre cene per tutta la settimana. Insalatone di ogni sorta, verdure grigliate, al vapore, minestroni e passati sono l’alimento principale di cui saziarci.

 

POCA CARNE (soprattutto quella grassa)

 

Per una settimana cercate di consumare più pesce e legumi come secondo piatto. Avete consumato chili e chili di carne che produce molte sostanze di scarto, date al corpo il tempo di ripulirsi. Magari una fettina di pollo o tacchino un paio di volte nella settimana può andare, ma non di più.

 

FRENATE COI CARBOIDRATI

 

Potreste fare due giorni senza pasta, pane, grissini, cracker e ogni sorta di farinaceo, per poi aggiungerli SOLO a pranzo. Questo permetterà al corpo di andare in un breve deficit di energia e fargli consumare qualche grasso in più

 

POCHISSIMI CONDIMENTI

 

Allora…abbiamo accumulato grassi, dobbiamo assumerne pochi per permettere al corpo di consumare al meglio quelli già messi da parte. Tipo? 2 cucchiai di olio extravergine al giorno sono più che sufficienti.

 

ATTIVITA’ FISICA

 

Vero ed unico strumento per rimettersi in forma, se non la fate mentite a voi stessi. Fate quello che preferite: corrette, remate, sollevate o pedalate, ma vi prego, alzatevi dalla poltrona su cui siete seduti da 48 h!

 

Buona mangiata a tutti!

Giacomo Astrua

Agonista di professione. Ho vissuto e vivo lo studio, lo sport e il lavoro come un agonista. Nato a Torino. Quarto di cinque figli. Sposato da un anno. Padre. Mi sono dedicato per tre anni alle malattie metaboliche per poi abbracciare del tutto la mia passione per lo sport lavorando come dietista sportivo per atleti olimpici, calciatori di massimo livello e per la FIAT Torino Auxilium.
In Cibo Veritas nasce per questa passione, questo agonismo per il mondo della nutrizione e per il cibo!
Buona mangiata a tutti.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi