cerca

Ooho, ossia l'alga che potrebbe liberarci dalla plastica

28 Marzo 2014 alle 00:00

Un team di giovani designer e ricercatori londinesi hanno creato un materiale che potrebbe mandare in pensione le bottiglie in Pet. Si chiama Ooho ed è una membrana gelatinosa, commestibile e biodegradabile, composta da alga bruna sottoposto a un processo di sferificazione con il carbonato di calcio. La stuttura molecolare del composto è la stessa del tuorlo d'uovo e quindi può contenere liquidi senza correre il rischio di rilasciarla.

 

L'invenzione pur avendo vinto il premio Lexus Design Award 2014 è ancora in fase di miglioramento. Il team di studiosi, infatti, sta provando a dare maggiore rigidità al materiale per cercare di arrivare entro alla fine dell'estate ad un prototipo da lanciare sul mercato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi