cerca

Turchia, ricominciano le proteste

12 Marzo 2014 alle 00:00

Alla notizia che il 15enne Berkin Elvan, ferito durante le manifestazioni di Gezi Park a Istanbul nell'estate 2013, era deceduto dopo un coma di nove mesi, l'ondata di proteste è riesplosa in tutta la Turchia. Il giovane Berkin incarnava ormai il simbolo dell'opposizione al governo presieduto da Recep Tayyp Erdogan. A Istanbul, così come ad Ankara, Smirne, Adana, Trebisonda, Antalya, Antiochia e Diyarbajkir, in migliaia sono scesi in piazza per protestare contro la dura repressione del governo. I manifestanti, che urlavano slogan che accusavano Erdogan di essere il responsabile dell'omicidio di Berkin, sono stati fronteggiati dalla polizia che ha impiegato cannoni ad acqua e gas lacrimogeni. Diversi sono stati i feriti nelle piazze del Paese. Il 30 marzo, intanto, sono previste le elezioni amministrative in cui Erdogan rischia molto, bersaglio anche dell'inchiesta sulla cosiddetta "Tangentopoli del Bosforo".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi