cerca

Quasi un harakiri

20 Giugno 2013 alle 00:00

"Sembrava Italia-Germania 4-3", chiosa Alberto Zaccheroni, tecnico del Giappone, al fischio finale. "Una fatica pazzesca", sospira poco dopo il suo collega Prandelli davanti ai microfoni. L'Italia ha giocato nella notte la sua seconda partita della Confederations Cup. Sotto di due gol alla mezz'ora contro il gIappone, gli Azzurri sono riusciti a rimontare e ad andare in vantaggio grazie a un rigore di Balotelli per poi farsi raggiungere dai nipponici e trovare solo verso lo scadere il gol decisivo di Giovinco. Qualificazione alle semifinali centrata, ora gli uomini di Prandelli sono attesi dalla sfida di sabato contro il Brasile padrone di casa e vittorioso nella sfida di ieri contro il Messico.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi