cerca

Corrida all'indiana

16 Gennaio 2013 alle 00:00

Niente spade o banderillas. Nessuno dei due contendenti che rischi d'incappare nell'esito fatale dello scontro. Tutto molto più onesto. E' lo Jallikattu, lontano parente della corrida spagnola, praticato però nella regione indiana del Pongal. Un toro viene liberato e là, nell'arena, c'è un uomo che deve tenerlo per le corna restandovi aggrappato il più possibile. Un tempo grazie allo Jallikattu le donne sceglievano i loro mariti. Oggi di quella tradizione resta un'eco, alimentata una volta l'anno durante le festività.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi