cerca

La buona, la brutta e la cattiva

23 Dicembre 2011 alle 00:00

Alla fine è arrivata al MoMa di New York. Cindy Sherman è un’artista e fotografa americana che usa la propria immagine come modello per le sue opere. Viste tutte di fila sono quasi inquietanti, ma è proprio l’autoritratto, per la Sherman, lo strumento per studiare le caratteristiche che coinvolgono la figura femminile contemporanea. Usa se stessa per esplorare, come scrive il New York Times nell'introduzione all’artista, temi che vanno dalla femminilità alla sensualità e il potere.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi