cerca

La guerra del liscio

29 Giugno 2011 alle 00:00

Il re del liscio, Raul Casadei, e tutta la sua famiglia-orchestra, è tornato ad accusare il presidente della regione Emilia-Romagna, Vasco Errani, di boicottaggio. Nella notte più importante dell'estate romagnola, la Notte Rosa, in programma l'1 e il 2 luglio prossimi, non c'è spazio per il liscio tradizionale dei Casadei, che hanno deciso di autofinanziarsi ed esibirsi lo stesso a Valverde di Cesenatico. Non senza polemizzare, però: "Regna un diktat da parte di Errani, che ancora una volta, con questo atteggiamento dimostra di vergognarsi della tradizione locale. Forse è per questo che la sinistra in Romagna sta perdendo importanti comuni della Riviera".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi