cerca

La rabbia greca

15 Giugno 2011 alle 00:00

Dopo un’altra giornata di sciopero e scontri, ieri la Grecia ha fatto un passo in più verso la bancarotta politica e finanziaria, aggravando ulteriormente la crisi della zona euro. Il primo ministro George Papandreou ha offerto un rimpasto di governo, in cambio di un esecutivo di unità nazionale, su cui chiederà la fiducia oggi. “Ho messo sul tavolo delle proposte per l’opposizione, ma le loro condizioni riporterebbero indietro il paese”, ha detto il premier socialista fissando le sue condizioni: il nuovo esecutivo deve rispettare il piano di austerità imposto da Ue e Fondo monetario internazionale [continua a leggere]

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi