cerca

Settant'anni di filosofia delle vette

19 Ottobre 2010 alle 00:00

Settant'anni fa moriva il triestino Emilio Comici, uno dei più grandi alpinisti della storia italiana. La leggenda di Comici non fu tanto nel numero di vie percorse e aperte, ma nella purezza dello stile e nella ricerca della linea estetica ideale, simile ad una "goccia che cade". Famosissima fu la salita solitaria e senza corde della via da lui stesso aperta a nord della Cima Grande di Lavaredo nel 1937. Morì in un banale incidente a 39 anni, lasciando la raccolta di pensieri "Alpinismo eroico". Contemporaneo all'alpinista triestino fu il pittore russo Nicolai Roerich, che espresse nelle sue opere la "filosofia delle vette" propria anche di Comici: la realizzazione della vita interiore è rappresentata dall'ascesa, dura e pericolosa, verso la cima della montagna. Di seguito vediamo alcune immagini di entrambi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi