cerca

Le sei immortali

18 Marzo 2010 alle 00:00

Simone Veil, politica, intellettuale, primo presidente del Parlamento Europeo nel 1979 e sopravvissuta ad Auschwitz, è stata accolta tra gli “immortali” dell’Accademia di Francia, massima istituzione culturale e linguistica del paese. Presenti alla premiazione tre presidenti: Valéry Giscard d’Estaing, Jacques Chirac e Nicolas Sarkozy. La tradizionale spada su cui è incisa la scritta “Liberté, Égalité, Fraternité” porta anche il numero identificativo 78651 del campo di concentramento di Aushwitz, che ha ancora tatuato sul braccio. L’uniforme verde, indossata dai membri dell’Accademia di Francia, è stata disegnata per lei appositamente da Chanel. E’ la sesta donna a ricevere questo onore, dopo la franco-belga Marguerite Yourcenar, Jacqueline de Romilly, Hélène Carrère d’Encausse, Florence Delay e l’algerina Assia Djebar

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi