cerca

Honeur et patrie

9 Marzo 2010 alle 00:00

Da lì a pochi minuti le sue modelle targate Chanel avrebbero sfilato al Grand Palais di Parigi imbacuccate come regine delle nevi – in barba agli ecologisti, ché tradizionalmente ai defilé francesi se li calcola soltanto Brigitte Bardot – in mezzo agli iceberg (veri, in naturale e progressivo scioglimento). E mentre lui, Karl Lagerfeld, il Kaiser della moda mondiale, si occupava delle ultime cosucce, l’Eliseo gli ha fatto sapere ufficialmente che il presidente, Nicolas Sarkozy, gli conferirà la Legione d’Onore, ovvero la più alta onoreficenza in terra di Francia, quella che inneggia a "Honeur et patrie". Il novello Commandeur (il cui altro grande amore oltre alla maison di mademoiselle Coco è la fotografia, soprattutto quella in bianco e nero, ça va sans dire) firmerà anche il prossimo calendario Pirelli. A sentire quanto spiffera WWD, che di solito ci azzecca, Lagerfeld starebbe organizzando lo shooting per aprile con "tutte le top". Modelle, s’intende. "Lo farò nel mio studio di Parigi – ha detto – è troppo ovvio ambientarlo su una spiaggia". Come aveva fatto il suo predecessore, Terry Richardson, a Bahia, per esempio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi