cerca

Il tango non è più argentino

3 Settembre 2009 alle 00:00

Quando i giapponesi ci si mettono riescono in tutto, persino a vincere i Campionati del mondo di tango, che come ogni anno si sono svolti nella capitale argentina Buenos Aires, stavolta dal 14 al 31 agosto. Hiroshi e Kyoko Yamao hanno sbaragliato centinaia di coppie provenienti da tutto il mondo, comprese le sei italiane arrivate da Bergamo, Biella, Savona, Montecatini e due da Napoli. In finale se la sono vista con i colombiani Edwin Leon Medellin e Jennifer Arango Agudelo, ma dopo quindici giorni di gare l’ha spuntata la coppia nipponica. All’annuncio della vittoria il ballerino, Hiroshi, è scoppiato in lacrime, mettendo completamente da parte il celebre pudore della cultura giapponese. Più composta la sua compagna Kyoko. Gli argentini Jorge Marino e Sara Parnigoni si sono dovuti accontentare del terzo posto, ottenuto battendo nella finalina gli italiani Mauro Zompa e Sara Masi di Montecatini. Alla coppia vincitrice è andato un premio di 3.800 dollari, ma è ovvio che Hiroshi e Kyoko non hanno gareggiato per soldi. Il tango è molto più di un ballo: è passione, fisicità, trasgressione. Pensando al tango l’ultima cosa che viene in mente è una coppia di tangueri nipponici, provenienti da un paese che ha fatto della riservatezza, della moderazione e della calma uno stile di vita. Hiroshi e Kyoko sono la conferma che non tutti i giapponesi pensano soltanto al lavoro e stanno attaccati al computer. In particolare lui, che scoppia in un pianto dirompente, è quanto di più lontano ci possa essere da un sumurai intransigente e orgoglioso. Ma nel tango vince la passione, fatta pure delle lacrime di un uomo. (di Simona Verrazzo) Le foto sono del sito www.mundialdetango.gov.ar

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi