cerca

Nel regno di Margherita

A dispetto delle tenebre, insegnava agli alberi il canto

11 Luglio 2018 alle 08:22

Nel regno di Margherita

Crassula ovata (Wikimedia Commons)

Nel regno di Margherita, ieri, Maestro trovava sosta per immergersi nei suoi doveri – i pensieri – e però gustare anche l’attesa naturalezza con tutto ciò che intorno gli dava eco di lei e del cuore pazzo d’attesa. Per perdersi nello sguardo di lei – dove arriva il giravento che fa aprire le potulacee (i fiori si chiudono, la sera) – Maestro sopportava anche Woland. E il suo buio. Ma Margherita, a dispetto delle tenebre, insegnava agli alberi il canto: “Nel mutare dei venti, nelle nuvole asservite al cielo, gli attesi Segni”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • oliolà

    11 Luglio 2018 - 19:07

    "Faland' a inoche". Vieni giù da quel cielo maledetto dove corrono le nuvole e mutano i venti. I Segni, sono tutti qua.

    Report

    Rispondi

Servizi