Dalla volontà di potenza alla volontà di celebrity

S’attende il duello tra la figlia di Donald e l’anchorwoman

11 Gennaio 2018 alle 06:00

Dalla volontà di potenza alla volontà di celebrity

Oprah Winfrey, 75° Annual Golden Globe Awards (LaPresse)

La serata dei Golden Globe di domenica scorsa è dunque stata il Rubicone dello spirito del tempo. Una superuoma, la star Oprah Winfrey – ex povera, di colore – ha tenuto un discorso su molestie alle donne, informazioni, futuro dell’America e subito s’è aperta una mobilitazione per una sua candidatura alla presidenza Usa. Il passaggio, oltre che antropologico, è epocale, anzi, meglio: ontologico. Mario Perniola, il filosofo, se n’è andato giusto due giorni fa, e solo lui con la sua sapiente gnoseologia dell’inorganico l’avrebbe saputa spiegare questa inedita metamorfosi dello Ubermensch. Anche Ivanka Trump, sorvolando sul proprio paparino strapazzato da Winfrey s’è detta entusiasta della novità e già presso i saputi, gli uommini scicche e le femmine pittate, s’attende – per il 2020 – il duello tra la figlia di Donald e l’anchorwoman. Dalla volontà di potenza, dunque, abbiamo svoltato. E’ la volontà di celebrity.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi