In Sicilia il Pd non ha rottamato nessuno

Ha ragione Mieli a dire che nell'isola il centrosinistra ha raccolto gli stessi voti del 2012. Ma c'è un dettaglio rilevante che è stato dimenticato

21 Novembre 2017 alle 06:19

In Sicilia il Pd non ha rottamato nessuno

Matteo Renzi (foto LaPresse)

E’ impossibile dissentire da Paolo Mieli che, va da sé, ha sempre ragione ma sul suo editoriale di ieri sul Corriere della Sera, quello della foto di Harare, urge sollevare un’obiezione. E’ vero che il Pd di Matteo Renzi alle regionali in Sicilia – pur sconfitto – ha preso il 13 e mezzo per cento e circa ducentocinquantamila voti. Come nel 2012. Ma quei voti, il Pd, li ha presi per motivi non proprio rottamatoristi: basti pensare alle performance di candidati quali Luca Sammartino, il “mister preferenze”. Per non dire poi dei grandi protagonisti quali Mirello Crisafulli. Tanto spernacchiato alle Leopolde, Mirello, perfino commissariato, e poi – ingrati tutti – l’unico che riesce a far arrivare primo il Pd. Com’è succede da sempre nel collegio di Enna. Malgrado Renzi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Giovanni

    21 Novembre 2017 - 07:07

    Dunque... Enna e la sua provincia sono da sempre "comunisti". Ebbene Si, in un isola tutta di destra o di centro destra la provincia ennese con il suo bel capoluogo piantato su un cucuzzolo al centro della Sicilia ha sempre rappresentato il baluardo della sinistra.

    Report

    Rispondi

Servizi